Salta al contenuto principale

"Ago d'oro", giacche dei vip
alta moda e un po' di Calabria

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
4 minuti 47 secondi

SONO passati quaranta anni da quando Giorgio Armani con geniale intuizione rivoluzionò la giacca e la rese più facile, destrutturandola. Era arrivata così una nuova amica nel guardaroba e il press agent e giornalista calabrese Salvo Esposito, in occasione della ventesima edizione del premio Ago d’Oro, ha celebrato l'evento a conclusione delle giornate dell'alta moda italiana presso l’Accademia L’Oréal di Roma dedicando questa mostra a un irrinunciabile capo di abbigliamento.

GUARDA LE FOTO DEI VIP AL PREMIO "AGO D'ORO"

E' già dalla prima sfilata, nel 1975, che il celebre stilista manda in passerella  blazer completamente rinnovati, privi di fodera e spalline, dalle proporzioni diverse. Sono gli Anni della Donna in Carriera, la manager che fino ad allora aveva adottato solo rigidi tailleurs dal taglio maschile, coglie l'occasione per trasformare la sua silhouette rendendola professionale ma anche femminilissima. 

Presto vengono contagiate le signore della Tv: Raffaella Carrà sfoggerà la giacca fin dalle prime puntate del suo "Pronto Raffaella", Rosanna Vaudetti, a cui si deve in primo annuncio sulla tv a colori il primo febbraio 1977, ne adotterà in molteplici versioni. "Più sani più belli", programma che furoreggia grazie a Rosanna Lambertucci, vede il grande successo della conduttrice che buca lo schermo scegliendo giacche elegantissime. Nel 1993 Mara Venier merita l'appellativo di "Signora della Domenica" apparendo nella trasmissione di Rai 1, in strepitose giacche candide. Enrica Bonaccorti fa del blazer il suo segno distintivo, siamo nel 1985. Il programma è "Pronto chi gioca". Non può non amare la giacca, rigorosa ma anche chic, Cristina Parodi, conduttrice nel 1996 del programma-contenitore "Verissimo". Ormai la giacca, destrutturata e agile, ha conquistato un po' tutte le donne. Se ne innamorano show girl come Valeria Marini e Matilde Brandi, grandi protagoniste della lirica come Katia Ricciarelli, attrici come Francesca Cardinale, nipote di Claudia, l'indimenticabile Angelica de “Il Gattopardo” di Luchino Visconti, registe come Rossella Izzo, conduttrici televisive come Paola Saluzzi, Roberta Capua, Katia Noventa, Veronica Maya. La prediligono valide giornaliste del TG come Maria Concetta Mattei e Mariella Venditti, annunciatrici come Elisa Silvestrin e la regina del salotto TV Caterina Balivo. Non sfugge alla "giaccomania" Silvana Giacobini, direttore di lettissimi magazine e ora autorevole opinionista sul piccolo schermo.

Questa mostra vuole essere un omaggio alle donne che hanno fatto grande la televisione italiana. Sui manichini si sono potute ammirare giacche vintage di alcuni brand che hanno fatto la storia del costume, come Chanel, Valentino, Armani, Gianni Versace, Ungaro, Genny, Max Mara, Renato Balestra, Raffaella Curiel, Gattinoni, Marella Ferrera, Gai Mattiolo, Egon von Fourstenberg, Battistoni, Rosy Garbo e A’Biddikkia.

Mentre l’orafo delle dive Gerardo Sacco ha realizzato una giacca “gioiello” ispirata alle sue collezioni come “Arbereshe”, “gioielli del mare” e “Pupi siciliani” e “Magna Graecia”, un omaggio all’universo femminile.

Ad ammirare i manichini nel candido salone di Palazzo Mignanelli, confusi tra i fortunati ospiti che gustavano tartine al caviale, vol-au-vent al salmone, bocconcini alle verdure innaffiati bollicine da champagne si sono visti Rosanna Lambertucci, Gaia Maschi Verdi, pronipote del grande musicista, Katia Noventa, Myriam e Giulia Catania, Rosanna Vaudetti, Renato Balestra, Stefano Dominella, Presidente della maison Gattinoni, Enzo Merli, brand manager della maison Furstenberg, mentre la nobiltà romana era capitanata dal Principe Guglielmo Giovanelli Marconi con sua moglie Vittoria e il Marchese Giuseppe Ferraioli.

Intanto, il guru dei capelli Salvo Filetti per l’occasione ha realizzato in esclusiva dei bozzetti di “chiome destrutturate”. Per l'occasione Salvo Esposito ha voluto festeggiare la ventesima edizione del Premio Ago d'Oro, da lui ideato nel dicembre 1994.

A “punzecchiarsi” dell'ambito riconoscimento realizzato dall'Orafo Gerardo Sacco, che per questa occasione ha creato la silohuette di una donna in argento e un ago in oro bianco impreziosito da un diamante, si sono alternati i premiati, chiamati dalla presentatrice della serata, l'annunciatrice di Raiuno Elisa Silvestrin, fasciata in abito Balestra.

La stilista siciliana Marella Ferrera si è aggiudicata l'Ago in platino alla carriera, Enrica Bonaccorti che è stata la prima conduttrice della fortunata trasmissione televisiva “Donna sotto le stelle”, la regista di molteplici fiction Rossella Izzo, basta ricordare “Fratelli detective”, “Una donna per amico”, “Lo zio d'America” e “Provaci ancora Prof” uno, due e tre, poi Chiara Giallonardo, conduttrice di Linea Verde Orizzonti, Francesca Cardinale, nipote della mitica Claudia,arrivata direttamente da Parigi.

Quest'anno anche il sociale è entrato a far parte del Premio: il riconoscimento è andato al professore e cardiologo Giovanni Bisignani per la diffusione di tecniche di avanguardia che hanno contribuito alla crescita della cardiologia. Alla giornalista Cristina Parodi, donna dallo charme innato è andato il Premio “Donna Elegante dell'Anno”; ad Antonio Grimaldi per la passerella piu' innovativa di queste giornate dell'alta moda romana; all'hair designer Salvo Filetti è andato il Premio Ago d'Oro per l'eleganza sartoriale con cui scolpisce le acconciature delle donne; premio ritirato dal responsabile dell'Accademia L'Orèal di Roma Fabio Nicolai. Poi è la volta sul podio di un altro brand: A'biddikkia, creato da Giovanna Mandarano che ha fatto della sua terra, la Sicilia, fonte d'ispirazione.

Il Premio “New Generation” se lo è aggiudicato Simona Valori con la sua giacca-scultura ispirata al garden party. A conclusione della premiazione Valeria Marini, reduce dalle prove di pattinaggio della trasmissione “Notti sul ghiaccio” che andrà in onda su Raiuno a fine mese. La bionda showgirl è l'unica che nel tempo si è aggiudicata ben tre Aghi d'Oro. Quest'anno ha ricevuto il riconoscimento per l'impegno, la passione e la creatività con cui porta avanti con successo la sua linea “Seduzioni Diamond's”.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?