Salta al contenuto principale

Al via le ricerche per i resti di Gioacchino Murat
Campagna di studio nella cripta del Duomo di Pizzo

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 30 secondi

PIZZO (VV) - Entro la fine di maggio saranno recuperati i resti umani individuati nella cripta sotterranea del Duomo di Pizzo, che si presume appartengano a Gioacchino Murat, il re di Napoli che nell’ottobre del 1815 fu catturato, imprigionato e ucciso nella città napitina.

Sarà poi il test del Dna, che verrà effettuato nei mesi successivi, a confermare o meno se quelle spoglie siano davvero del giovane sovrano. A coordinare le attività è il comitato tecnico-scientifico istituito dal Comune di Pizzo, in collaborazione con l'associazione Murat Onlus.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?