Tempo di lettura 3 Minuti

BOTRICELLO (CZ) – Descrivere la Calabria. Raccontarla. Trovare i suoi angoli più nascosti. Viverli. E soprattutto mettere nero su bianco cosa gli occhi hanno visto. Ammirato. Vissuto. È un progetto particolare e innovativo quello pensato da Roberto Aiello, originario di Botricello, che nelle prossime settimane sarà in viaggio a bordo della sua bicicletta per attraversare l’intera Calabria. Il motivo di questo viaggio? A esplorazioni terminati compilare una guida turistica completa della nostra regione. Guida che, però, sarà tradotta in diverse lingue.

“Sessanta giorni in giro per la Calabria” si chiama l’idea di Roberto Aiello nato a Botricello, da anni in viaggio per il mondo dall’Inghilterra, Spagna, Cina, Vietnam ma da sempre legato alla propria terra natale. E ora il progetto di tornare in Calabria per qualche mese, attraversarla, viverla e poi scrivere una guida turistica. Si parte, salvo imprevisti dell’ultimo minuto, il prossimo 4 settembre. E il viaggio di Roberto Aiello partirà da Tortora Marina. Ma da dove nasce quest’idea di intraprendere questa nuova esperienza? È lo stesso Aiello a raccontarlo nel sito internet (rigorosamente in lingua inglese) che ha appositamente creato per l’evento rigorosamente.

«In tanti anni di lavoro e viaggi all’estero in molti mi hanno chiesto da dove vieni? Prima di rispondere – racconta ancora Aiello – so già la reazione del mio interlocutore. Dico Calabria ma l’altra persona mi guarda confusa. E penso la mia Patria è sconosciuta. Inizialmente ho sempre pensato che fosse normale. Da poco, invece, ho iniziato a chiedermi perché la Calabria è ancora sconosciuta tra i viaggiatori. E io stesso da calabrese conosco pochissimo la regione in cui sono nato. Sarà quindi l’occasione giusta anche per me per conoscere gli angoli più nascosti della Calabria».

Da qui l’idea di mettersi in viaggio. Fare un qualcosa per la propria terra. raccontare la diversità, la sua tradizione, la sua cultura. Visitare a piedi «la bellezza delle coste, la frescura dei parchi nazionali, i numerosi villaggi pittoreschi. E perché no provare, recensire e inserire all’interno del proprio progetto i cibi e le specialità culinarie della nostra regione. Voglio creare, raccontare, descrivere un profilo unico della nostra Calabria».

Per questo motivo aggiunge ancora Aiello «la mia missione sarà quella di esplorare ogni singola parte della Calabria, dalle spiagge bellissime alle montagne mozzafiato passando per i borghi caratteristici. E le informazioni le andrò a raccogliere parlando, confrontandomi con la popolazione locale». Aiello sottolinea anche l’idea di usare per il suo viaggio oltre alla bicicletta i mezzi pubblici, quindi, treni e bus. Solo quando sarà completato il viaggio tutti gli elementi raccolti andranno ad essere inseriti all’interno della guida turistica che andrà a comporre. Aiello è pronto a partire. E a raccontare tramite i social network la propria esperienza. Il proprio viaggio.

Aiello aggiunge: «Sarò infinitamente riconoscente a tutti coloro che durante il viaggio potranno ospitarmi per una notte (ringrazio sin da subito chi mi ha già contattato e aperto le porte di casa sua) dato che viaggio con un budget limitato. Sono anche disponibile ad incontrare tutti coloro che non potendo ospitarmi saranno disponibili a prendere un caffè e raccontarmi qualche storia riguardo luoghi a loro familiari».

Ma non solo. Il pensiero, o meglio l’invito di Roberto Aiello è rivolto anche a tutti coloro «che hanno la possibilità di mostrare un’attrazione turistica, una ricezione turistica (hotel, bar, ristorante) ed essere magari presenti nella Guida Turistica (per ogni paese conto di inserirne 5-6)». E infine: «Chiunque volesse contattarmi può utilizzare la mia email robaie1981@gmail.com, la pagina Facebook “Calabria behind the corner”».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •