Salta al contenuto principale

La "Pizza d'eccellenza" è calabrese
Domenico conquista i palati d'Italia

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 31 secondi

SERRASTRETTA (CZ) - È di Serrastretta il vincitore del campionato “Pizza d’eccellenza d’Italia”, dedicato alla valorizzazione dei sapori e prodotti tipici della Calabria.

Domenico Vescio, 29 anni, residente a Cancello, sta conquistando i palati più esigenti e le giurie più severe, con la bontà della sua pizza, preparata con pala e forno a legna.

La ricetta vincente, i cui ingredienti principali sono serietà, impegno e genuinità, ha consentito al pizzaiolo lametino di collezionare, dal 2008, trofei nei più prestigiosi tornei di pizza in tutta Italia. Tra i più recenti, nel 2015, il primo posto a Barletta, per la categoria “pizza senza glutine”, e il secondo posto conquistato a Rossano al primo campionato di “pizza in pala”.

Domenico Vescio, che lavora come pizzaiolo nel ristorante “Top Country” di Lorenzo Cianflone, da anni coltiva la sua passione per la lavorazione della pizza, un’arte che ha appreso al tempo delle scuole superiori, osservando lo chef Luigi Mazzei. Da allora, il giovane ha iniziato ad appassionarsi al mestiere di pizzaiolo a tal punto da sperimentare sempre nuovi impasti e cotture. E grazie alle esperienze lavorative in svariati locali, egli è riuscito col tempo a perfezionare una sua propria personale tecnica di preparazione.

L’incontro con Marcello Lamberti, responsabile della sezione cosentina dell’Associazione pizzeria italiana, in occasione della fiera “Sigep” di Rimini, è stato per Domenico la molla che lo ha indotto ad associarsi all’Api e a partecipare ai suoi eventi, gare e manifestazioni di vario genere, inerenti il tema della pizza.

Di tutto rispetto il curriculum lavorativo di Domenico Vescio, del quale non si proprio dire che si sia improvvisato pizzaiolo. Infatti, nel 2008 ha seguito un master a Catanzaro; nel 2010 ha partecipato al campionato di Scalea, classificandosi al secondo posto nella categoria pizza classica; nel 2011, sempre, a Scalea, è arrivato secondo nella categoria pizza in pala; nel 2012 è arrivato terzo al campionato di Fiumicino; nel 2014, al campionato di pizza alla mozzarella di bufala, a Battipaglia, si è portato a casa due secondi posti e un terzo posto, rispettivamente nelle categorie pizza classica, pizza in pala e pizza senza glutine.

Ultimo in ordine di tempo, il trofeo “Eccellenza d’ Italia, che lo ha visto primeggiare su 150 iscritti di varie categorie.

«Queste gare a cui ho preso parte - dice Domenico Vescio – oltre che grandi soddisfazioni, sono state per me importanti esperienze formative, in cui ho appreso novità e spunti per migliorarmi, per rendere il mio prodotto sempre più digeribile e gustoso. Infatti - svela Domenico – il segreto di una buona pizza, che sia al gusto margherita o quattro stagioni, è l’ impasto, che deve essere facilmente digeribile. E ciò si ottiene dosando la giusta quantità di acqua, farina e lievito, con la giusta lievitazione e conservazione. La mia più grande soddisfazione - conclude - è vedere i clienti contenti di ciò che mangiano».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?