Salta al contenuto principale

E' di Reggio il più grande pasticcere d'Italia
Caridi ha vinto la finale della trasmissione Rai

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 41 secondi

REGGIO CALABRIA - È il reggino Sebastiano Caridi, 27 anni, il più grande pasticcere d’Italia. Il giovane, che attualmente vive e lavora a Faenza, è stato incoronato il più bravo pasticcere nella finale della omonima trasmissione televisiva andata ieri sera in onda su Raidue. In finale ha battuto Lorenzo Puca, di Pescara, di un anno più giovane. Sebastiano, figlio d’arte (il padre Paolo è molto noto in Calabria) ha iniziato ben presto a lavorare nel laboratorio di famiglia, ma si è poi trasferito a Faenza (Ravenna) per crescere professionalmente.

VIDEO: LA PREMIAZIONE DI SEBASTIANO SU RAI 2

Sin da giovanissimo, come ricordato nella biografia resa nota dai produttori del programma di Raidue, giunto quest’anno alla seconda edizione, ha seguito vari corsi di pasticceria tenuti dai più grandi maestri italiani, tra cui Luigi Biasetto e Roberto Rinaldini, e lavora per 4 anni con il cioccolatiere Stefano Laghi.

La creazione dolciaria con la quale Sebastiano si è aggiudicato il duello finale contro Lorenzo Puca è stata battezzata dallo stesso autore “Rivelazione”.

Proprio ieri, il presidente del Consiglio regionale calabrese, Nicola Irto, all’indomani dell’iniziativa promossa da Confartigianato Reggio Calabria e dall’Associazione provinciale pasticceri artigianali reggini, si era detto convinto che «le produzioni dei nostri pasticceri artigianali rappresentano un’eccellenza nel settore enogastronomico tradizionale da valorizzare e sostenere».

E Irto un pensiero lo aveva dedicato proprio al concorrente in lizza per la corona di pasticcere più bravo: «La pasticceria reggina, certamente sensibile agli influssi delle altre tradizioni del Mezzogiorno d’Italia, ha il pregio di essere frutto di un’elaborazione originale in cui i sapori tipici si sposano all’innovazione, la riscoperta delle radici si unisce all’originalità. E non possiamo non ricordare - aveva detto il presidente del Consiglio regionale - come questa categoria sia oggi al centro dell’attenzione mediatica nazionale, grazie al talento di Sebastiano Caridi, figlio di uno storico artigiano reggino...»

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?