Salta al contenuto principale

Infantino, prime parole dal presidente della Fifa
«Devo tutto a mio padre, elezione dedicata a lui»

Calabria
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 59 secondi

ZURIGO - "Questa elezione è dedicata a mio padre, mi emoziono anche a dirlo. Mi ha insegnato tutto nella vita. Ma anche alla mia mamma, che si è messa a piangere e penso che stia ancora piangendo".

Lo ha dichiarato il neo presidente della Fifa, Gianni Infantino, nel corso di un’intervista esclusiva a Radio 1 con il giornalista Emilio Mancuso. Ieri, il dirigente italo-svizzero ha vinto con 115 voti al secondo scrutinio (LEGGI). "Non ci posso credere, è stata una grande emozione, ma rappresenta anche una grande responsabilità, da affrontare con orgoglio e umiltà. Siamo pronti a lavorare, ci rimbocchiamo le maniche per quello che c'è da fare" le parole di Infantino, uomo che viene dalla Calabria. "Mio padre era di Reggio Calabria, ma non vorrei dimenticare le origini della Val Camonica della mamma. Sono fiero di essere italiano al 100%, più di così..." ha detto Infantino, che si è anche occupato di pulizia dei treni prima di diventare presidente della Fifa. "Ho fatto anche questo, siamo una famiglia di lavoratori come tanti italiani emigrati all’estero, che abbiamo sempre avuto rispetto per le persone, e grazie all’esempio dei miei genitori, abbiamo sempre lavorato e ci hanno sempre rispettato. Come ho battuto lo sceicco? Con il lavoro, la tenacia, il cuore, le emozioni. Alla fine ha vinto il calcio, la passione per il calcio, forse sono riuscito a trasmettere questa emozione agli elettori" ha detto un Gianni Infantino visibilmente emozionato, elencando le prime tre cose che farà a partire da domani.

FOTO: la casa di Infantino a Reggio Calabria

Prima delle elezioni disse (LEGGI): «Voglio tornare a Reggio da presidente della Fifa». Ieri gli sono arrivati anche gli auguri (LEGGI) da parte del sindaco do Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà.

"Domani è in programma l’inaugurazione del museo della Fifa. Lunedì organizziamo alla Fifa una partita con un pò di amici visto che c'è un bel campo di calcio. Subito dopo ci rimbocchiamo le maniche, ci sono delle riforme da mettere in atto, un’immagine ed una credibilità da riguadagnare" ha aggiunto Infantino. "Con Platini ci siamo scritti dei messaggi, gli mando un abbraccio ovviamente, così come a Blatter. Il giorno dopo abbraccio tutto il mondo. All’Italia dico di credere nel calcio, di continuare ad avere una passione per il calcio perchè il calcio è gioia, divertimento, c'è molto da fare anche in Italia. Ringrazio anche il presidente Tavecchio per avermi sostenuto in questa campagna". 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?