Salta al contenuto principale

Eros Ramazzotti ricorda le sue origini Vibonesi

e pubblica una foto del paese di origine della madre

Calabria
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 49 secondi

GIANLUCA PRESTIA

Send mail

Giornalista Pubblicista dal 2000 e Professionista dal 2008, collabora col Quotidiano dal 2002 diventando poi redattore di Cronaca nera e giudiziaria ma spaziando anche in altri settori. 

VIBO VALENTIA - Una foto sul suo profilo ufficiale di Instagram, il  cartello stradale di Coccorino, piccolo centro costiero lungo la "Costa degli dei", nel Vibonese, e una frase pregna d'amore verso quella persona che gli ha dato la vita ma che gli manca terribilmente da 14 anni: “Tutto iniziò da qui, grazie mamma Raffaela, 14 anni senza te, mi manchi”.

Il profilo è quello di uno tra i più noti cantanti pop italiani degli ultimi 40 anni, l'Eros nazionale che in questa foto non solo ha voluto ricordare la madre, Raffaella Molina, scomparsa il 9 luglio del 2002, ma anche le su origini vibonesi visto che proprio la donna era originaria di Caroniti di Joppolo.


 

Di Eros Ramazzotti e della mamma ne ha parlato nel 2012 la giornalista Caterina Sorbilli sulla rivista "Tropea e Dintorni" raccontando l'estate del 1985 quando il cantautore si era affacciato sulla scena musicale italiana: "Eros, in vacanza con il fratello Marco e mamma Raffaella Molina (originaria di Caroniti di Joppolo, centro costiero del Vibonese), a Tropea non capitarono per caso, ma di ritorno da un concerto in provincia di Cosenza, ebbe voglia di conoscere il territorio d’origine ed incontrare alcuni parenti che qui a Tropea ancora dimorano. Eros tornò quell’estate più di una volta, ancora più spesso la mamma ed il fratello ospiti di un amico speciale che gelosamente, ancora oggi, cerca di mantenere il segreto di questa amicizia e più dignitosamente l’intimità di foto familiari. Quell’estate il cantante riesce a mimetizzarsi tra la folla dei numerosi turisti che, allora come adesso, popolano le spiagge tropeane; forse è proprio grazie all’aiuto dell’amico Domenico che riesce a sfuggire soprattutto alle giovanissime ammiratrici. Quello che è certo, raccontato dalle parole di questo amico fraterno, è la figura di un Eros giocherellone e molto generoso, un figlio premuroso ed affettuoso, come lo è anche il fratello Marco, nei confronti della madre calabrese, che tanti sacrifici ed amore ha saputo regalare loro". 

 "E adesso c'è chi lancia l'idea di conferire a Ramazzotti la cittadinanza onoraria da parte del Comune di Joppolo. L'idea è stata lanciata. Il neo sindaco Carmelo Mazza la farà propria? Lo sapremo presto".

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?