Salta al contenuto principale

In cammino con Pino verso Santiago de Compostela

Giorno 11: «Senza sole ma con grande entusiasmo»

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
I podisti cosentini in cammino a bordo strada in direzione Palas de Rei
Tempo di lettura: 
1 minuto 51 secondi

Prosegue il viaggio verso Santiago de Compostela di Franco, Silvio e Giampiero nel nome dell'amico Pino Vecchio (LEGGI LA NOTIZIA), durante tutto il viaggio i tre atleti racconteranno le esperienze maturate durante il percorso in una sorta di diario tenuto sulle pagine del Quotidiano del Sud.

SCOPRI TUTTE LE TAPPE DEL DIARIO DI VIAGGIO
IN AGGIORNAMENTO DINAMICO
DI FRANCO, SILVIO E GIAMPIERO

IN CAMMINO CON PINO gli appunti di viaggio di Silvio Cozza della 10^ tappa PORTOMARIN – PALAS DE REI 25 Km

“Senza sole e con il solito entusiasmo mattutino, procediamo a nordovest da Portomarin a Palas de Rei, quartultima tappa del progetto ‘In Cammino Con Pino’, ideato per sensibilizzare l’opinione pubblica verso la Sclerosi Laterale Amiotrofica, l’invalidante disfunzione neurodegenerativa che ha ‘rallentato’ i programmi sportivi e di vita di Pino Vecchio.

SCOPRI COS'È IL CAMMINO DI SANTIAGO
NELLA SCHEDA SUL PELLEGRINAGGIO

La media dei chilometri percorsi in tutti questi giorni più o meno si avvicina alla distanza della mezza maratona (21 km e 97 metri), disciplina dell’atletica leggera che tante volte abbiamo praticato in giro per l’Italia insieme a Pino.

Una passione, quella della corsa, che crea dipendenza positiva e non se ne può proprio più fare a meno una volta praticata.

Anche a chi la incontra da non più giovanissimo, gli riassembla la psiche dotandolo di forza interiore inesauribile.

E se poi la sorte, come è capitato a Pino, mette fuori uso l’impianto elettrico del suo corpo (la Sla colpisce i motoneuroni deputati al movimento volontario dei muscoli), non interferisce affatto sul proprio io profondo, fortificato da un vissuto d’endurance.

Pino l’ha scritto chiaro e forte sui social attraverso un comunicatore oculare: “Io sono ancora qua!”, parafrasando il pezzo di Vasco Rossi.

Questo muove il nostro essere qui e i soliti saliscendi collinari di oggi, li metabolizziamo come il maratoneta macina l’asfalto fino al traguardo.

A Sierra de Ligonde, poco prima dell’arrivo incrociamo in discesa il pilastrino dei 78 km ed apponiamo, presso l’albuerge de peregrinos, un ‘selle’ (timbro) speciale che accredita maggiormente le nostre credenziali di viaggio per l’ottenimento della Compostela.

Tra tre giorni vi applicheremo quello definivo. Siamo vicini, vicinissimi all'obiettivo. Stasera ci sembra quasi di dormirci accanto.”


Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?