Salta al contenuto principale

Il caso di Peppino: fa domanda d’aggravamento dell'invalidità e l’INPS gli revoca anche la pensione. L’ira di Encal Cisal

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Peppino Macrì assieme a Nino Di Bella
Tempo di lettura: 
1 minuto 28 secondi

VIBO VALENTIA - “È una storia intrisa di dolore e disperazione a cui si aggiunge l’insensibilità di talune istituzioni che evidentemente hanno più a cuore i propri aspetti finanziari che non il benessere delle persone”. A pronunciare queste meste parole è Nino Di Bella, già vicesindaco di Dinami, amareggiato per la vicenda che vede protagonista, suo malgrado, un uomo di 58 anni.

“Peppino Macrì – spiega Di Bella – è un mio compaesano che vive in condizioni difficili in una casa popolare. Seguo le sue vicissitudini da quando ero amministratore: i suoi genitori sono morti, non è sposato e, a parte l’interessamento di qualche nipote, non può contare sul sostegno della rete parentale. Per come si evince anche dalla relazione degli assistenti sociali, si trova in uno stato di solitudine relazionale in via di ulteriore peggioramento”.

Di Bella, che assiste Peppino come responsabile regionale del patronato Encal Cisal, precisa che “il suo unico punto fermo era la pensione d’invalidità, di circa 290 euro. Ha proposto domanda di aggravamento, ma la risposta dell’Inps è stata da brividi. Non solo questa domanda è stata respinta, ma addirittura è stato giudicato non invalido civile (patologia non invalidante o con riduzione della capacità lavorativa in misura inferiore ad un terzo). Questo significa che anche la certezza di quella piccola entrata è stata cancellata. Peppino, il cui udito non è più efficace, non è in grado di provvedere al suo mantenimento ed ora deve fare i conti pure con la sordità dello Stato che si gira dall’altra parte e lo abbandona al suo destino”.

La conclusione però è battagliera: “come patronato non lasceremo solo Peppino, combatteremo insieme a lui finché l’Inps non si ravvederà e riconoscerà il suo diritto a vivere con dignità. Siamo pronti a compiere tutte le azioni, nel rispetto della legge, che si renderanno necessarie”.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?