Salta al contenuto principale

Libri, Nicola H Cosentino vince il Premio Brancati

Il secondo romanzo del calabrese conquista la giuria

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Il premio a Nicola H Cosentino
Tempo di lettura: 
1 minuto 33 secondi

COSENZA - Con "Vita e morte delle aragoste” (ed. Voland), suo secondo romanzo, Nicola H Cosentino ha vinto il Premio Brancati per la sezione giovani.

Cosentino, classe 1991, scrittore e studioso di Cosenza, nato a Praia a Mare il 3 maggio 1991, è laureato in scienze politiche e relazioni internazionali, e attualmente cura un progetto di ricerca sulle distopie contemporanee, nella Londra degli studi culturali, presso l’Università di Westminster, nell'ambito di un dottorato di ricerca dell'Unical. Come una passeggiata nella vita, nel romanzo vincitore, Antonio e Vincenzo protagonisti del romanzo, raccontano di sentimenti e di società in contesti contemporanei.

In primo piano l’amicizia (che, se vera, ha più chance dell’amore di durare per sempre) e la crescita (che ha bisogno di mutazioni profonde, come l’aragosta che per crescere deve buttare via il proprio carapace). Dalla gioventù all´età adulta, “Vita e morte delle aragoste”, un'opera raffinata e ironica, è un diario niente affatto cronologico capace di far assaporare al lettore il gusto dell´essere e dei legami umani ed è in questo aspetto che viene fuori l´animo (e la penna) dello studioso che sapientemente si lega a quella dello scrittore. “Ecco, quando ero con lui, anche se è difficile da spiegare, non mi sentivo affatto leroe della mia vita. Ero la spalla della sua” (dalla quarta di copertina).

Nella stessa sezione, a contendersi il prestigioso Premio di Zafferana, dedicato a Vitaliano Brancati e fondato 49 anni fa, Claudio Volpe, La traiettoria dell’amore, Laurana; Anna Giuricovich Dato, La figlia femmina, Fazi. Per le altre sezioni hanno vinto Michele Mari con La Leggenda privata (Einaudi), per la narrativa, e Franco Arminio con Cedi la strada agli alberi (Chiare lettere) per la poesia. La cerimonia di premiazione, condotta dal direttore artistico Raffaele Mangano, ha avuto luogo nella prestigiosa villa Mirador di Zafferana Etnea, la cittadina in cui Vitaliano Brancati scrisse i suoi libri di successo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?