Salta al contenuto principale

Influenza, in Calabria registrati già livelli epidemici ma il picco arriverà tra Natale e il mese di gennaio

Calabria
Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

ROMA - L’influenza avanza e la Calabria e tra le regioni in cui si è superata la soglia epidemica nazionale ossia il numero di malati minino per dire che esiste una epidemia influenzale. In Calabria, infatti, l'incidenza generale risulta essere pari a 5,24 casi per 1000 abitanti mentre andando nel dettaglio tra i bambini tra 0 e 4 anni l'incidenza è pari a 17,45 casi per 1000 abitanti, nella fascia d'età tra i 5 e i 14 anni l'incidenza è 2.81, nella fascia tra i 15 e i 64 anni l'incidenza è 1,38 mentre negli over 65 l'incidenza al momento è pari a zero..

Nella settimana tra il 26 novembre e 2 dicembre sono rimaste a letto infatti, in tutta Italia, 152mila persone, per un totale di 647mila casi dall’inizio della sorveglianza. È probabile però che il picco arrivi tra dicembre e gennaio, rovinando dunque le vacanze di Natale a molti.

A fornire i dati è l’ultimo bollettino pubblicato dall’Istituto superiore di sanità (Iss), in base al quale il livello di incidenza nazionale è arrivato a 2,52 casi per mille assistiti, cioè ancora sotto la soglia che segna l’inizio del periodo epidemico, che è di 2,74 ma in 8 regioni e una provincia autonoma: Piemonte, Lombardia, provincia autonoma di Trento, Toscana, Umbria, Abruzzo, Campania, Calabria e Sicilia, è stata invece superata la soglia epidemica nazionale.

«Finora l’andamento dell’influenza - rileva l’epidemiologo dell’Iss, Gianni Rezza - è paragonabile a quello della passata stagione. Se dovesse rimanere così, è probabile che il picco arrivi tra dicembre e gennaio». Complessivamente i più colpiti sono stati i bambini tra i 0 e 4 anni, con 6,55 casi per mille assistiti, cui seguono con valori simili quelli nella fascia di età 5-14 anni (2,57) e gli adulti tra i 15 e 64 anni (2,59). Più bassi finora i valori rilevati tra gli anziani con più di 65 anni (1,27 casi per mille assistiti) che sono tra l'altro anche coloro che maggiormente fanno uso dei vaccini antiinfluenzali.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?