Salta al contenuto principale

Protesta Lsu Lpu, si dimette il sindaco di Amendolara

Manifestazione dei lavoratori sulla strada statale 106

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
La protesta sulla statale 106 ad Amendolara
Tempo di lettura: 
1 minuto 13 secondi

AMENDOLARA (COSENZA) - Si è dimesso in segno di solidarietà con i quaranta lavoratori Lsu ed Lpu del suo Comune Salvatore Antonio Ciminelli, sindaco di Amendolara, centro della fascia ionica cosentina. Stamane il primo cittadino ha presentato al presidente del consiglio comunale la lettera con cui rinuncia alla carica, per poi partecipare, insieme con i precari, a una manifestazione sulla strada statale 106.

I 4.500 Lsu/Lpu calabresi sono impegnati in servizi di pubblica utilità nei Comuni ed i loro contratti scadranno il 31 dicembre, per questo si erano mobilitati nei giorni scorsi occupando la stazione centrale di Lamezia Terme, al fine di ottenere i fondi necessari per la loro stabilizzazione.

I PRESIDI A LAMEZIA E LE RASSICURAZIONI DEL MINISTRO

Cgil, Cisl e Uil hanno registrato un'apertura da parte del governo che dovrebbe concretizzarsi nell'approvazione di un emendamento, bocciato alla Camera, da parte della competente commissione del Senato, finalizzato allo stanziamento dei fondi occorrenti nella manovra economica. Secondo Ciminelli, senza i precari l'amministrazione municipale non potrebbe garantire i servizi essenziali.

"Io sono certo - dice all'Agi - che altri sindaci presenteranno le dimissioni, perché è giunto il tempo, oltre che della solidaretà, anche dei fatti. I lavoratori devono continuare i servizi essenziali come hanno fatto fino ad oggi, dalla mensa, alla raccolta dei rifiuti, fino allo scuolabus e alla manutenzione del verde. Senza di loro la macchina comunale sarebbe bloccata".

Alla manifestazione sulla 106 partecipano circa duecento persone rimaste sul ciglio della strada senza bloccarla, sotto la vigilanza delle forze dell'ordine. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?