Salta al contenuto principale

Sorpresi a tagliare querce secolari nel Vibonese

Una persona arrestata e altre due denunciate

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Parte della legna ricavata dal taglio
Tempo di lettura: 
0 minuti 49 secondi

RICADI (VIBO VALENTIA) - Ennesimo caso di un furto di legna in Calabria, furti che spesso oltre al danno di tipo economico causano un danno, spesso gravissimo, anche all'ecosistema e alla vegetazione.

Questa volta i carabinieri della Stazione di Spilinga hanno arrestato e posto ai domiciliari una persona e ne hanno denunciato in stato di libertà altre due dopo avere notato i tre mentre, nelle campagne di Ricadi, in un terreno di proprietà privata, erano intenti ad abbattere querce secolari di elevato valore, secondo quanto riferiscono i militari, commerciale e paesaggistico con l'obiettivo di ridurre a tronchetti il legno.

La persona che è finita agli arresti domiciliari è Antonio Paparatto, di 48 anni, indicato dai carabinieri come "pluripregiudicato".

Per effettuare l’abbattimento degli alberi i tre stavano utilizzando strumenti meccanici. Nel momento in cui sono stati bloccati dai militari i tre avevano già provveduto a caricare su un rimorchio cinquanta quintali di legname. A Paparatto ed ai due denunciati viene contestato il reato di furto aggravato in concorso.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?