Salta al contenuto principale

Le lacrime della statua di San Francesco nel Vibonese

Il parroco chiede di pregare e attendere gli sviluppi

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Le lacrime della statua
Tempo di lettura: 
1 minuto 25 secondi

CESSANITI (VIBO VALENTIA) – Lacrime dalla statua di San Francesco di Paola. La notizia è stata accolta con un misto di fede e commozione nella frazione Pannaconi ma il parroco della frazione, don Felice Palamara, tende adesso a frenare i facili entusiasmi, ed invitare alla preghiera e alla prudenza: «Di fronte alla lacrimazione della statua di San Francesco che ormai si è ripetuto per 10 giorni – ha commentato il religioso nel rivolgersi ai parrocchiani- invito a non gridare al miracolo perché sarà la Chiesa stessa, in quanto madre e maestra, a darci una risposta attraverso il nostro vescovo».

Le spiegazioni del fenomeno possono essere diverse ed è lo stesso prete ad esporle: «Non sappiamo se si tratta di umidità, di condensa oppure di lacrime umane, una cosa è certa che dagli occhi per dieci giorni sgorgavano liquidi dagli occhi di fronte ai tanti testimoni».

La vicenda è passata sottotraccia per giorni, al fine di evitare isterismi e per valutare con attenzione quanto stava accadendo. Nonostante ciò, ha raggiunto anche i paesi vicini: «Qualcuno – ha rimarcato il parroco - mi ha chiesto perché la notizia non è stata annunciata in precedenza? Semplice: perché devo seguire una prassi, ci vuole prudenza. Passati dieci giorni, ho deciso di posizionare la statua in chiesa. Adesso sarà la Curia, nella persona del vescovo Luigi Renzo a prendersi cura della statua per valutare questa situazione. I discorsi non devono infrangere la delicatezza del momento - ha concluso il parroco - Non servono inutili parole serve preghiera, preghiera, preghiera».

Vista la diffusione della notizia, anche il sindaco di Cessaniti, Francesco Mazzeo, ha ribadito la necessità di cautela e silenzio, così come indicato da don Palamara: «La prudenza in questo caso è d'obbligo - ha asserito - perché è necessario evitare facili sensazionalismi».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?