Salta al contenuto principale

Reggio Calabria apre alla connessione ultra larga

Previsto un investimento di 13 milioni di euro

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
La conferenza stampa di presentazione
Tempo di lettura: 
2 minuti 6 secondi

REGGIO CALABRIA - La città di Reggio Calabria entra a far parte della strategia italiana per la banda ultra larga.

Il Comune dello Stretto, infatti, ha sottoscritto una convenzione con la società Open Fiber per la realizzazione, gestione e manutenzione di un’infrastruttura di rete in fibra ottica a banda ultra larga. L’accordo è stato presentato nel corso di una conferenza stampa a Palazzo San Giorgio, sede del Comune, alla presenza del vice Sindaco Armando Neri, dell'assessore alla Smart City Giuseppe Marino e, per Open Fiber, da Emanuele Briulotta, responsabile Network&Operations Area Sud, e dal Field Manager Salvatore Spampinato.

Secondo quanto illustrato l’intervento, dal valore di circa 13 milioni di euro, prevede la realizzazione in fibra ottica a banda ultra larga, da un Gb al secondo, per complessive 56 mila unità immobiliari. I lavori per la realizzazione degli impianti, della durata di 18 mesi, saranno completati con la posa di 900 chilometri di fibra che si diramerà attraverso 430 chilometri di infrastruttura, 150 dei quali passeranno attraverso il riuso di reti aeree e interrate già presenti in città.

«È un risultato - ha detto il vicesindado Neri - frutto di un lungo periodo di studio e di confronto serrato con Open Fiber ed i suoi rappresentanti, che ringrazio, per aver scelto la città di Reggio Calabria per un intervento così importante». 

«Un traguardo - ha aggiunto - che consente alla nostra città di mettersi al passo con le altre più importanti città italiane, sul tema dell’innovazione e degli investimenti, in una visione che inserisce Reggio Calabria tra le città più smart in Italia. Parliamo di innovazione, ma anche di investimenti. Stiamo parlando di affidabilità, stiamo parlando di lavoro. Abbiamo ritenuto che Open Fiber, per metà partecipata da Enel e per metà dalla Cassa Depositi e Prestiti, fosse una società affidabile sotto il profilo imprenditoriale ed istituzionale. Con queste realtà affidabili ed assolutamente trasparenti dal punto di vista strutturale ed economico-finanziario non abbiamo avuto difficoltà nel relazionarci».

Neri ha sottolineato l’importanza dell’accordo, e dell’intervento, «che non solo fa crescere la nostra città sotto il profilo degli investimenti e dell’innovazione, ma significa anche dare lavoro, dà respiro alle imprese, ai giovani, alla stessa manodopera che sarà impegnata nella messa in opera e attivazione di questa rete. Tuttavia, prima di sottoscrivere la convenzione, abbiamo approfondito tutti gli aspetti tecnici di quest’opera, pretendendo, tra l’altro, che nella fase degli scavi, dove possibile, venissero utilizzate le infrastrutture già esistenti. Una richiesta per la quale abbiamo registrato la piena disponibilità di Open Fiber». 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?