Salta al contenuto principale

Commozione alle esequie di Giacomo Battaglia

La città di Reggio Calabria ha detto addio all'attore

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
La bara di Giacomo Battaglia all'uscita dalla chiesa
Tempo di lettura: 
1 minuto 17 secondi

REGGIO CALABRIA - Grande commozione e partecipazione ai funerali di Giacomo Battaglia, l'attore reggino morto dopo una grave malattia che lo aveva costretto in stato di incoscienza per mesi (LEGGI LA NOTIZIA DELLA MORTE).

«Si è addormentato nella luce del Signore» ha detto don Nuccio Cannizzaro, sacerdote della Chiesa degli Artisti di Reggio Calabria, nella sua omelia durante i funerali.

Al rito, come detto, hanno partecipato centinaia di persone che hanno voluto rendere omaggio e l’estremo saluto ad un attore, che insieme all’inseparabile Gigi Miseferi, era entrato nel cuore dei reggini.

La bara di noce chiara, su cui erano state legate le sciarpe amaranto dei tifosi della Reggina Calcio e i foulard dei «portatori» della Vara della Madonna della Consolazione, è stata portata a spalla lungo corso Garibaldi fino alla chiesa dopo essere stata esposta per tutta la mattina nella camera ardente allestita nel foyer del teatro comunale 'Cilea'.

Per la giornata odierna il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, ha proclamato il lutto cittadino. «Anche Gesù - ha detto don Nuccio Cannizzaro - si preparò con sgomento dinanzi alla morte invocando il Padre, ma la fede lo spinse nella lode della Speranza».

Il sacerdote, ricordando la figura dello scomparso, ha fatto riferimento alle lettere di Papa Montini, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI agli artisti, «perché oggi, questo mondo e questa città - ha detto - hanno bisogno di bellezza e di ricercare nuovi orizzonti. L’umanità senza bellezza non potrebbe vivere. L’arte schiude il cuore dell’uomo e lo spinge ad aprirsi verso l’oltre». 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?