X
<
>

La presentazione fatta questa mattina in modalità online

Tempo di lettura 2 Minuti

RENDE (COSENZA) – “SuperScienceMe – REsearch is your R-Evolution”, l’edizione della Notte dei Ricercatori promossa da Università della Calabria, Università Magna Graecia, Università Mediterranea, Università degli Studi della Basilicata, CNR (istituti ITM, IIA, ICAR, IIT, ISAC, IMAA, ISM, ISPC) e Regione Calabria, e finanziata dalla Commissione Europea, è stata presentata durante la conferenza stampa di stamani. In programma il 27 novembre, condurrà i fruitori in un avvincente viaggio nel tempo, dalla Preistoria al Futuro, alla scoperta dell’evoluzione scientifica e umana.

A narrare la storia, come sempre, la supereroina “SuperScienceMe”, una brillante scienziata che, con la macchina del tempo, accompagnerà i fruitori in luoghi dove ciò che si può solo immaginare diventa reale, dove quello che si legge nei libri di storia prende vita e dove i sogni per il futuro si materializzano.

Uno degli importanti obiettivi della manifestazione, come affermato dal Rettore dell’Università Magna Graecia, Giovambattista De Sarro, durante la conferenza, è quello di fare divulgazione scientifica, di comunicare ai giovani l’importanza della ricerca e delle sue ricadute.

“Questo evento – ha affermato il Rettore dell’Università della Calabria Nicola Leone – rappresenta un’eccellenza meridionale, riconosciuta dalla Commissione Europea come uno dei progetti finanziati tra i 7 in tutta Italia. Quest’anno il tema del “viaggio nel tempo” rimarcherà l’importanza che la ricerca ha avuto nelle varie epoche, evidenziando come proprio grazie al lavoro dei ricercatori la società si sia evoluta, fino a raggiungere i risultati straordinari di oggi”.

Il Rettore dell’Università Mediterranea, Santo Marcello Zimbone, ha sottolineato l’importanza del Ricercatore e la centralità della sua figura nella società, rimarcando l’importanza del concetto di “coesione” del sistema universitario calabrese che permea anche la Notte dei Ricercatori. “Abbiamo il compito di creare la conoscenza del cittadino responsabile. E la Notte dei Ricercatori ci consente di raccontare i risultati del nostro lavoro e la passione per la ricerca”– ha asserito il Prorettore al Public Engagement dell’Università degli Studi della Basilicata, Nicola Cavallo, concludendo che la “ricerca è donna”.

“Fare ricerca di qualità è importante per confrontarsi a livello internazionale. Bisogna investire in ricerca per incidere sulla qualità della vita di tutti” le parole di Lidietta Giorno, Coordinatrice di SuperScienceMe per il CNR. “Si è fatta squadra sulla ricerca – ha dichiarato l’assessore all’Università della Regione Calabria, Sandra Savaglio – e potrebbe essere questo il modo per continuare a pensarci, istituzioni e centri di ricerca insieme, come “comunità scientifica”. Dobbiamo impegnarci al meglio che possiamo. Le persone devono parlarsi, comunicare in modo corretto”.

Il nuovo format della manifestazione scientifica, che si svolgerà in modalità digitale a causa della pandemia, è stato presentato da Maurizio Muzzupappa, Delegato del Rettore al Trasferimento Tecnologico dell’Università della Calabria. Il viaggio nel tempo, che doveva prendere vita negli atenei con il dipanarsi di dimostrazioni scientifiche e attività di animazione, collocate nei vari periodi storici, si svolgerà così attraverso una piattaforma digitale raggiungibile al link www.superscience.it. Qui ci saranno i video di tutte le attività scientifiche, come esperimenti e dimostrazioni che negli anni precedenti costituivano la

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares