X
<
>

Carmine Abate

Tempo di lettura 2 Minuti

ESCE oggi il nuovo libro di Carmine Abate dal titolo Il cercatore di luce edito da Mondadori.

«La storia comincia un giorno d’estate quando un ragazzino di nome Carlo scopre nella baita di famiglia un quadro misterioso che raffigura una giovane donna con un bambino tra le braccia. È la nonna paterna, una maestra calabrese che vive da mezzo secolo in Trentino, a svelargli chi sono quei due e dove e come il nonno ha conosciuto il pittore di quel quadro, il grande Giovanni Segantini. Sarà Carlo a ricostruire come un detective la straordinaria storia di Segantini intrecciandola con i segreti della propria famiglia e con l’epica costruzione delle dighe e dei laghi in Sila progettati dal nonno» a svelare la trama del libro è lo stesso autore.

«Il romanzo – spiega Carmine Abate – è strutturato in tre parti, proprio come il capolavoro di Segantini: il trittico della natura. La vita, la natura e la morte. Per scriverlo mi sono messo sulle tracce del cercatore di luce partendo da Arco di Trento dove Segantini è nato, passando per Milano dove è cresciuto tra riformatorio e Accademia di Brera dove ha conosciuto il suo grande amore, Bice Bugatti. E poi sono andato in Brianza e sempre più sù tra le montagne Svizzere dove Segantini muore a 41 anni mentre dipinge a tremila metri di altezza, cercando appunto la luce».

Nel suo nuovo romanzo, epico e visionario come La collina del vento (vincitore del 50° Premio Campiello), Carmine Abate racconta dunque l’appassionante storia di una famiglia, la cui capostipite è calabrese, e vi intreccia con maestria la straordinaria avventura esistenziale e artistica di uno dei nostri più grandi pittori, muovendosi – con l’autorevolezza di chi li conosce nelle più segrete profondità – in luoghi lontani ma dalla identica, struggente meraviglia: dal Nord al Sud, dalle montagne della Svizzera all’altopiano della Sila, monumento alla bellezza nel cuore del Mediterraneo.

La vera tessitrice della storia è la Moma, un ponte tra Nord e Sud, una grande affabulatrice capace di tenere insieme passato, presente e futuro. La sua grande storia d’amore con l’ingegnere trentino e la loro vita vengono raccontate dalla Moma con la sua lingua fiorita e il suo carisma, che ne fanno una delle più importanti protagoniste della storia. Abate torna in libreria dopo Le rughe del sorriso uscito nel 2018.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA