Tempo di lettura 4 Minuti

COSENZA – Goldrake, i Puffi, i Simpson, Pollon. Sono solo alcuni dei cartoni animati che da decenni affascinano grandi e piccini e che  possono vantare una “voce” calabrese. Fabrizio Mazzotta, 50 anni appena compiuti, originario di Laureana di Borrello in provincia di Reggio, ha alle spalle una vita da doppiatore.  

GUARDA LE FOTO: DA TONTOLONE A MIZAR, I SUOI PERSONAGGI

Oltre a doppiare e a recitare, Mazzotta, è fumettista, direttore di doppiaggio di telefilm e film tv ed è uno dei maggiori adattatori per quanto riguarda l’animazione giapponese. Il neo pensionato («ho versato contributi per più di quarant’anni» ci spiega), sulle scene sin da bambino è da pochi giorni “tornato” sul grande schermo, curando i dialoghi italiani del film Capitan Harlock, in programmazione in tutta Italia dal primo gennaio. Un ragazzo di  Calabria, ma nato a Monza, che grazie alla sua professionalità e alla sua particolare voce fa sognare milioni di bambini e appassionati. «Purtroppo non torno spesso in Calabria, nonostante sia una regione bellissima da visitare con una natura che mi affascina. Sto diventando pigro. L’ultima volta risale a molti anni fa, venni in Calabria assieme a mio padre, nativo di Laureana di Borrello. Ma ho anche diversi familiari, mia sorella e  alcuni zii e cugini abitano a Vibo Valentia». Il piccolo Mizar di Goldrake, Eros di Pollon, Tontolone della serie dei Puffi, sono solo alcune delle “voci” interpretate da Mazzotta. 

Come hai iniziato questa carriera e a quanti anni, visto che sei già in pensione? 

«Ho iniziato con il lavoro di attore a quattro anni. Fu un caso, ovviamente. Ero in spiaggia a chiacchierare con un aiuto-regista che notata la mia spigliatezza consigliò a mia madre di portarmi in Rai, a via Teulada, dove erano in corso dei provini per uno spot americano. Vinsi il provino e da lì è iniziata la mia carriera nel mondo dello spettacolo, che dura da più di quarant’anni. Tant’è che, per l’appunto, ho già maturato i contributi e gli anni per la pensione». 

Ma il baby pensionato a fermarsi non ci pensa affatto. Del resto la passioni per i cartoni viene da lontano. E regge agli anni. Qual è il cartone animato preferito? 

«Mi piacevano e continuano a piacere i cartoni animati con i “robottoni”. Tra i tanti mi piaceva parecchio Jeeg Robot d’acciaio. Ma su tutti vincono i classici cartoni della Warner con Bugs Bunny e Silvestro e sopratutti i personaggi di Hanna & Barbera come Braccobaldo, Lupo De Lupis, Yoghi o i Flintstones».

Lavorativamente parlando, invece, qual è la voce a cui sei più affezionato?

«Ce ne sono diverse. Direi il Puffo Tontolone perché da piccolo leggevo le avventure a fumetti dei Puffi e ritrovarmi, anni dopo, a doverli doppiare fu una grande gioia. Ma ricordo con grande affetto anche Eros in “Pollon combina guai” e Krusty il clown de ”I Simpson” al quale do la voce da ben venticinque anni».

L’ultimo lavoro già “fruibile”, la cura dei dialoghi  per il film Capitan Harlock. In cosa è consistito il tuo lavoro? 

«Oltre a essere doppiatore e direttore di doppiaggio sono anche adattatore. Ovverosia scrivo i dialoghi di un film o di una serie tv, partendo dalla traduzione, e devo metterli a “sinc”, in modo che la lunghezza delle parole italiane corrisponda con la lunghezza delle parole in originale. Sostanzialmente non c’è e non deve esserci nessuno stravolgimento del senso della frase. Può risultare un concetto più lungo o più corto ma il senso deve essere mantenuto. Dopo “Capitan Harlock” ho anche adattato il film “Dragonball Z- La battaglia degli Dei”, un film a cartoni animati che vedremo al cinema a febbraio. Di questo film ho anche curato la direzione del doppiaggio».

Un consiglio a chi, magari dalla Calabria, volesse intraprendere questo tipo di mestiere?

«Per questa professione è fondamentale saper recitare, essere dei bravi attori. Consiglio sempre di iscriversi a un corso di dizione per eliminare eventuali difetti di pronuncia, poi fare un corso di recitazione per imparare i segreti del mestiere ed eventualmente un corso di doppiaggio per capirne i meccanismi specifici. Dopodiché inizia la lunghissima gavetta fatta di provini, attese e tanta pazienza. Non è facile ma ogni professione esige del rigore». Rigore, abnegazione e testardaggine, dunque, caratteristiche che, col sangue calabrese nelle vene, a Mazzotta non mancano e che ne hanno fatto uno dei più interessanti doppiatori e adattatori italiani.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •