X
<
>

Condividi:

COSENZA – La Sila torna a ospitare un evento musicale appassionante con il concerto di Manu Chao, “La Ventura“, previsto per oggi a Molarotta a pochi chilometri da Camigliatello. La data silana si inserisce in un tour meridionale del musicista parigino, pensato in luoghi inusuali e suggestivi: la spiaggia di Catania due giorni fa, la Sila oggi, e a seguire il porto di Molfetta, l’arena di Cagliari, un’area archeologica nel Viterbese. Tappe che fanno seguito all’esibizione di Monza, davanti a 40mila e più spettatori. Chissà quanti ne entreranno a Molarotta, là dove il marchio di Archimedia “La Sila Suona Bee”, che già ha portato sull’Altopiano l’ammaliante demone meridiano di Vinicio Capossela, ha allestito uno spazio da happening d’altri tempi: apertura cancelli dalle 13, stand gastronomici assicurati da Gal Sila Autentica.

GUARDA LE FOTO DEI FAN IN ATTESA

Inizio delle musiche alle 15, con sei artisti calabresi che si alternano per mezzora ciascuno in attesa del “Clandestino”: Federico Cimini, Marvanza, Nuju, Musicanti del Vento, Villazuk, Spasulati Band. Alle 19 toccherà a lui, al 51enne José Manuel Arturo Tomás Chao Ortega, ex Mano Negra, sacerdote no gobal francese di nascita, mezzo spagnolo e mezzo basco, nato in esilio da genitori fuggiti al franchismo, che ha scritto negli ultimi lustri il dizionario di un divertimento impegnato e multietnico, di un radicamento girovago, mondialista, testa e cuore e corpo. Mescolando il vitalismo delle musiche del globo – reggae, ritmi sudamericani, raï algerino, rock – e unendo i popoli nel ballo (anche con una s- davanti) e nella condivisione, dando voce agli oppressi, alla gioia di vita più libertà. In difesa di qualche Sud, sempre e comunque. Messaggi essenziali; di recente si è espresso per il “no” nel referendum indetto in Grecia. I suoi concerti sono esplosioni di energia, feste mobili. È bello pensare che ciò abbia come teatro un luogo incantato come la Sila.

«Non voglio organizzare concerti nei parcheggi» aveva promesso Giampaolo Calabrese patron di Archimedia, ed è stato di parola, nella proposta di spettacoli in cui lo spazio ospitante non è un luogo inerte e inospitale, ma un valore aggiunto che contribuisce allo svolgimento del concerto. Sinergia tra spazio e evento. Molarotta, luogo di “bee”, di “muu“, di “hiii”: salsicce cortecce tramonti; pecore mucche cavalli; caciocavalli ricotte pinete, patate radure laghi, funghi. Questo immaginario fitto si associa in modo decisivo a un pomeriggio che si annuncia ubriacante di musica e emozioni.

Sul palco saranno con Manu Chao: Jean Michel Gambeat (basso), Madjid Fahem (chitarra), Philippe Teboul, ex Mano Negra (batteria). Ai fiati i salentini Gabriele Blandini e Gianluca Ria. Qualche dato utile: il costo del biglietto è di 17,50 euro, per i ritardatari c’è un botteghino anche a Molarotta. È prevista un’area parcheggio. Una navetta farà servizio, dalle 13.30 alle 19.30 ogni 35 minuti, dall’ingresso di Camigliatello a Molarotta; per il ritorno la navetta farà servizio al contrario, a partire dalle 22. Ricordatevi che siete a oltre mille metri di altitudine: scarpe chiuse e una maglia sono consigliabili. La Sila suonerà pure bee, ma non perdona.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA