Salta al contenuto principale

Le Aquile perdono la vetta La Vigor recupera

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 39 secondi

 

IL Catanzaro perde di nuovo la testa della classifica a vantaggio del Perugia, la Vigor Lamezia torna alla vittoria e la Vibonese va ko e inizia seriamente a tremare. Questo in sintesi l'esito della 37ª giornata del girone B di Seconda divisione giocato mercoledì pomeriggio. I giallorossi di Cozza non sono riusciti ad andare oltre il 2-2 in casa del Gavorrano, ma hanno anche rischiato la sconfitta visto che il gol del definitivo pari di Masini (autore anche del momentaneo vantaggio del Catanzaro nel primo tempo) è arrivato solo in pieno recupero, al 93'. In mezzo la doppietta del solito infallibile Fioretti per i padroni di casa. Il re dei bomber ha raggiunto quota 28 nella classifica cannonieri. Il Perugia, dicevamo, riconquista la vetta (a quota 75 punti, mentre il Catanzaro sale a 74) superando il Milazzo, ma non è stato facile per i biancorossi, andati in svantaggio nel primo tempo. Poi le reti di Balistreri e di Borghetti, che ha regalato i tre punti agli umbri al 94'.

Al terzo posto la Vigor Lamezia di Costantino (a quota 73), che continua a far sentire il fiato sul collo alle due battistrada. I biancoverdi hanno superato nettamente L'Aquila (3-1) grazie alle reti di Gattari su rigore, Mancosu e Franchino. Una vittoria in rimonta (gli abruzzesi erano andati in vantaggio) che fa sorridere la squadra lametina e mantiene intatte le speranze di vittoria diretta del campionato.

I minuti finali sono stati invece fatali per la Vibonese che, nella sfida casalinga contro il Fano di Zeman jr, compie un vero e proprio pericoloso passo indietro cedendo l'intera posta in palio. E' stato Bertolini a punire i rossoblù al 29' pt e al 45' st, con il momentaneo, inutile, pareggio di Doukara a inizio ripresa. Ora la classifica della squadra del duo Ferrante-Viola (quart'ultima a 32 punti) si fa davvero problematica. Unica notizia positiva per loro le concomitanti battute d'arresto di Milazzo e Neapolis, ferme a quota 36. Ma quella di mercoledì era un'occasione da non perdere.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?