Salta al contenuto principale

Sarà Arezzo a ospitare
la finale del Cosenza

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 38 secondi

SARA' Arezzo a ospitare la finale playoff di serie D tra il Cosenza e il Sandonajesolo. Erano stati proprio i silani a chiedere di modificare la sede individuata inzialmente - cioè Scandicci - perché l'impianto poteva contenere solo 1.800 spettatori. Troppo pochi, secondo le previsioni, rispetto al seguito che potrebbe partire per sostenere la compagine calabrese. E così, anche se per la Lega nazionale dilettanti la scelta sembrava ormai definitiva, le ragioni di ordine pubblico hanno prevalso.

Ora è pronto per il gran finale della Serie D. Domenica 10 giugno alle ore 15.30 allo Stadio «Comunale Città di Arezzo» andrà in scena l’atto conclusivo dei playoff. Arbitra l'incontroAntonio Di Martino di Teramo coadiuvato dagli assistenti di linea Oreste Muto e Alfonso Annunziata (entrambi di Torre Annunziata) con l’eccezionale presenza, per le partite di questa categoria, del quarto uomo Roberto Rizzo di Siena. La partita sarà trasmessa in differita su RaiSport 2 lunedì 11 giugno alle ore 16.50 con la telecronaca di Lucio Michieli e il commento tecnico di Franco Peccenini.

 I due sodalizi si giocheranno la possibilità di acquisire il diritto di priorità per la presentazione di un’eventuale domanda di ammissione al campionato di 2^ divisione 2012/2013, una possibilità non così remota se andiamo a vedere l’esito delle scorse finali. Le ultime tre squadre che hanno ottenuto il successo ai playoff - ovvero Nocerina, Matera e Rimini - hanno compiuto il fatidico salto nei professionisti. Il cammino delle finaliste 2011/2012 è stato diametralmente opposto e forse questo aspetto rende l’evento ancora più interessante. La squadra cosentina sotto la conduzione tecnica di mister Napoli ha inanellato una serie di 21 risultati utili consecutivi che hanno portato i lupi a un solo punto dalla capolista Hinterreggio. Terminata la fase regolare il Cosenza ha letteralmente dominato i playoff battendo Palazzolo, Messina, Pomigliano, Lavagnese e Sant'Antonio Abate grazie a quattordici goal fatti e solo cinque subiti.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?