Salta al contenuto principale

Berardi, la baby stella del calciomercato
Dai campetti di Bocchigliero alla Juve

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 5 secondi

IL suo nome è stato accostato al Borussia Dortmund, poi al Manchester United, al Napoli, all'Inter. Alla fine, però l'ha spuntata la Juventus. E così la nuova stella calabrese del calcio resterà almeno in Italia. Domenico Berardi deve ancora compiere 19 anni, ma su di lui mezza Europa è pronta a scommettere. E il Sassuolo, che detiene il suo cartellino, gongola: «Berardi è un ragazzo che sta facendo molto bene, è di prospettiva, ed è dunque normale che gli occhi dei top club siano su di lui» ha affermato Nereo Bonato, direttore generale della società emiliana, in un'intervista a Calciomercato.it. 

SUBITO IN COPERTINA - Gli ultimi sviluppi dicono che la trattativa che si è chiusa è quella con la squadra campione d'Italia. Manca solo l'ufficialità, ma l'unica certezza è che il giocatore non si muovera fino a giugno dalla squadra che lo ha lanciato nel calcio che conta e che non avrebbe accettato di privarsi subito del talentuoso numero 25. Longilineo e veloce, Berardi è impiegato da attaccante esterno o trequartista in maglia neroverde. L'allenatore Di Francesco lo ha fatto debuttare in Coppa Italia contro il Catania: un quarto d'ora appena che però fa da preludio al posto da titolare alla prima del campionato cadetto contro il Cesena. E nella giornata successiva c'è la consacrazione - un gol e un assist (guarda il video) - proprio contro il Crotone, per un paradosso che sembra sottolineare la disattenzione delle squadre calabresi nei confronti di un talento nostrano.

DA CARIATI ALL'OLIMPO - Sulla carta d'identità di Domenico Berardi è segnata come città d'origine Cariati, la città più a sud della fascia jonica cosentina: quella in cui è nato un altro calciatore con trascorsi in serie A, Ciccio Cozza, attuale allenatore del Catanzaro. La famiglia di Berardi è originaria però di Bocchigliero, sull'entroterra silano. E da Bocchigliero Domenico un giorno partì per andare a trovare suo fratello a Modena. Fu lì che fu notato durante una partita di calcetto e segnalato ai tecnici del Sassuolo. Fino a quel momento in Calabria per lui c'era stato spazio in campo solo ai tempi della scuola calcio, ma nessuno aveva ritenuto di tesserarlo.

In Emilia Berardi è partito dagli Allievi. Poi la Primavera. E ora la vetrina della serie B che ha fatto di lui una piccola star del calciomercato. In attesa di capire se sarà lui l'erede dei calabresi protagonisti anche in maglia azzurra.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?