Salta al contenuto principale

Domenica nera: vince solo la Vigor
E il Cosenza perde pure Mosciaro

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 8 secondi

C'E' solo la Vigor Lamezia che sorride in questa giornata di calcio calabrese. Dopo l'anticipo di serie D di sabato, che ha visto il Sambiase vincere il derby a Montalto grazie ad un gol di Savasta, oggi Catanzaro, Vigor e Hinterreggio nei due campionati di Lega Pro, Cosenza e Vibonese in serie D hanno completato il calendario del turno con un bilancio di una sola vittoria e quattro sconfitte.

CATANZARO E HINTERREGGIO TRAVOLTE - Si è dovuto attendere il 91' per trovare uno spicchio di gloria calabrese in Seconda Divisione. In pieno recupero, infatti, Gattari ha messo a segno il gol che ha permesso alla Vigor Lamezia di superare in rimonta il Borgo a Buggiano, che era passato in vantaggio allo stadio D'Ippolito grazie a Dimas, al 36' del primo tempo. Di Crialese, al 28' della ripresa, il pareggio, prima della gioia finale. 

Nessuno spiraglio invece per l'Hiterreggio, affossata in casa con un pesante 0-3 da un lanciatissimo Pontedera. I gol sono arrivati già nel primo tempo: al 9' con Arrighini, al 40' con Regoli. Poi al 46' della ripresa il sigillo toscano con Grassi.

Una categoria più in alto, il Catanzaro in trasferta è stato battuto per due a zero e scavalcato in classifica dal Benevento. Un gol per tempo: segnano prima Mancosu, poi Germinale.

COSENZA, CHE BOTTA - Al Palazzolo basta un gol di Asperi al 39' del primo tempo per liquidare una Vibonese che interrompe così la scia di nove risultati utili consecutivi. Ma è quella del Cosenza la sconfitta che fa più male: i silani affondano a Noto, sconfitti per 3-0 grazie ai gol siciliani di Accetto e Pignatta nel primo tempo (il primo dopo appena 2 minuti di gara, il secondo al 42') e di Ymeri a un minuto dalla fine della ripresa. Un risultato che l'allenatore Gagliardi ha preferito non commentare, evitando di passare dalla sala stampa. Ma il colpo del ko per la squadra lo ha rifilato il bomber Manolo Mosciaro: lui sì ha parlato e ha comunicato di essere pronto a lasciare il Cosenza: «Devo pensare anche alla famiglia, sto pensando di andare via». Lo attende a braccia aperte alla Nocerina il tecnico Auteri, con il quale a Catanzaro l'attaccante ha vissuto una brillante stagione coronata da 16 reti. Per i silani, invece, la sua partenza significa dire addio al calciatore capace di segnare 33 gol in una stagione e mezza. E intanto, dopo la vittoria di misura del Messina ad Agropoli, la vetta della classifica resta a sei punti.

Redazione web

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?