Salta al contenuto principale

La prova tv inchioda la gomitata di Pettinari
Alla punta del Crotone 3 turni di squalifica

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 8 secondi

ERA sfuggita all'arbitro ma non alle riprese televisive. E così la gomitata rifilata da Stefano Pettinari a un avversario ha un costo molto alto: al calciatore del Crotone, il giudice sportivo di serie B ha inflitto tre giornate di squalifica. 

L'episodio è avvenuto durante la sfida di lunedì sera, in posticipo serale, tra il Varese e la squadra pitagorica. E' l'11' di gioco e le squadre sono ancora sullo 0-0 quando il difensore lombardo Rea si accascia al suolo, con la palla lontana, dopo un contatto con l'attaccante ospite. Nè l'arbitro Borriello di Mantova nè i suoi assistenti sono riusciti a vedere cosa fosse successo: Pettinari è rimasto in campo anche se non ha brillato nella gara finita poi 1-1. Ci sono riuscite però le telecamere, che hanno documentato una gomitata in pieno petto. E così, forte della prova tv, il giudice ha sanzionato Pettinari.

Tre giornate di squalifica sono state inflitte anche a Emilio Battaglia a Nicola Ferrari del Verona.   Quattro gli squalificati per un turno che militano nella Juve Stabia: Caserta, Dicuonzo, Figliomeni e Kofi.   Fermati per una giornata anche Bellomo e Sciaudone del Bari, Abruzzese e Ciano del Crotone, Padella del Grosseto, Mazzarani del Modena, Pesce del Novara, Bianco del Sassuolo, Brighenti del Vicenza, Mammarella della Virtus Lanciano e il preparatore atletico del Novara Sorbello.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?