Salta al contenuto principale

C'è una calabrese alle olimpiadi di Sochi
ma gareggia nella squadra della Dominica

Calabria

Tempo di lettura: 
3 minuti 19 secondi

 

Sochi (Russia), 7 feb. - Al giorno d’oggi l'attaccamento alla bandiera dove si è nati e l’obiettivo di gareggiare per quella Nazione sembra passare in secondo piano. Fondamentale è realizzare il sogno di partecipare alle Olimpiadi. A questa edizione dei Giochi invernali di Sochi che si inaugureranno questa sera ci sono atleti che difenderanno i colori di Togo, con la sciatrice veneta del Cadore, Alessia Dipol, delle Isole Cayman con lo sciatore Dow Travers nato e cresciuto in Gran Bretagna, o delle Isole Vergini con la sciatrice Jasmine Campbell. Singolare il fatto che marito e moglie, oltre a gareggiare nella stessa disciplina sportiva (lo sci nordico), hanno deciso di difendere i colori della Dominica. Loro sono Gary e Angelica Di Silvestri ed entrambi hanno passaporto italiano e vivono a Staten Island nei pressi di New York. (AGI)
(AGI) - Sochi (Russia), 7 feb. - Il loro luogo ideale d’allenamento è la zona del Montana. Il loro amore per la Dominica è scoppiato tanti anni fa quando l’avevano visitata per turismo. Da quel momento hanno iniziato a stringere rapporti anche per un loro progetto di donazioni nel sociale. Lui, 47 anni e gestore di fondi di investimento, fino all’età di 30 anni non aveva mai sciato. Lei, nata a Cosenza il 25 novembre 1965 (Morrone da nubile), ha studiato all’università di Roma e nei prossimi giorni diventerà la più anziana fondista di sempre a prendere parte ai Giochi. Il precedente primato spettava alla norvegese Hilde Gjermundshaug (41 anni a Torino 2006). Angelica aveva iniziato a sciare da bambina sulle Alpi e dal 1999 si dedica allo sci nordico. Nella storia dei Giochi invernali i Paesi caraibici erano già presenti e sempre con equipaggi di bob. Famoso il quartetto della Giamaica a Calgary nel 1988 ma anche di Porto Rico, Trinidad e Tobago, Porto Rico, Samoa ed Antille Olandesi. (AGI)

C'E' una calabrese alle olimpiadi invernali di Sochi. Ma non gareggia con le insegne tricolori. Si tratta di Angelica Di Silvestri e la sua è una storia incredibile. Arriva sotto ai cinque cerchi sotto i colori della Dominica, una piccola e bellissima isola dei Caraibi che si permette il lusso di schierare una compagine tra i grandi della neve.

Angelica, nata il 25 novembre 1965 a Cosenza, sarà tra l'altro la più anziana fondista di sempre a prendere parte ai Giochi. Da nubile il suo cognome era Morrone. Ha studiato all'università di Roma, poi ha conosciuto il suo attual emarito, Gary Di Silvestri. Vivono a Staten Island nei pressi di New York, ma entrambi hanno conservato il passaporto italiano. Lui, 47 anni e gestore di fondi di investimento, fino all’età di 30 anni non aveva mai sciato.  Angelica invece aveva iniziato a sciare da bambina sulle Alpi e dal 1999 si dedica allo sci nordico. Quando marito e moglie si sono dedicati insieme al fondo, il loro luogo ideale d’allenamento è diventato la zona del Montana. 

Ora, invece, si trovano a gareggiare per la Dominica, che hanno imparato ad amare tanti anni fa quando l’avevano visitata per turismo. Da quel momento hanno iniziato a stringere rapporti anche per un loro progetto di donazioni nel sociale. E così sono stati "adottati" dalla nazione caraibica. Angelica correrà la 10 chilometri tecnica classica. Una disciplina insolita per una nazione caraibica. Un po' come il famoso quartetto della Giamaica a Calgary nel 1988 ma anche di Porto Rico, Trinidad e Tobago, Porto Rico, Samoa ed Antille Olandesi.

E Angelica e Gary non sono nemmeno gli unici italiani che gareggiano per altre bandiere: a questa edizione dei Giochi invernali di Sochi che si inaugureranno questa sera ci sono atleti che difenderanno i colori di Togo, con la sciatrice veneta del Cadore, Alessia Dipol, delle Isole Cayman con lo sciatore Dow Travers nato e cresciuto in Gran Bretagna, o delle Isole Vergini con la sciatrice Jasmine Campbell. 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?