Salta al contenuto principale

Serie A, dopo la Juve a Crotone arriva la Roma

Spalletti suona la carica. Non ci sarà Totti

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Luciano Spalletti
Tempo di lettura: 
4 minuti 26 secondi

CROTONE - Dopo avere ospitato la Juventus, in una cornice di grande pubblico (LEGGI E GUARDA VIDEO), il Crotone si appresta ad incontrare allo stadio "Ezio Scida" un'altra grande del campionato di serie A: la Roma. L'appuntamento è per le 12,30 di domenica, quando si giocherà la gara tra i calabresi ed i giallorossi di Luciano Spalletti. 

In casa Roma

E' stato proprio l'allenatore della Roma a presentare la gara di domani, prima della partenza per la Calabria: "Se perdiamo o non vinciamo contro il Crotone - ha detto - è come se vincessero Juventus e Napoli. I nostri avversari hanno tutte gli stessi colori, le maglie azzurre e bianconere. Qualsiasi punto perdiamo per strada lo abbiamo perso contro questi colori qui, non contro i nostri avversari".

"La partita è difficile anche perché il Crotone non ha avuto vita dura soltanto con la Juventus, ci sono state altre squadre che hanno sbloccato il risultato alla fine - ha aggiunto l'allenatore toscano - Nicola è un tecnico che sta lavorando bene, ha tenuto viva la squadra. Domani bisognerà essere una squadra forte". Spalletti ha annunciato il forfait di Totti: "Francesco ha avuto un problema intestinale stanotte per cui non parte. Si è fatto visitare ed è subito tornato a casa - ha concluso l'allenatore toscano - per questo inizio di influenza".

In casa Crotone

«Se battiamo la Roma possiamo regalare lo scudetto alla Juventus? A me non interessa questo, a me interessa che la mia squadra faccia punti contro una delle squadre che si contendono il titolo». Davide Nicola risponde così a chi gli fa notare che il Crotone, dopo la gara di recupero di mercoledì scorso persa con la Juventus, potrebbe decidere la fine del campionato in caso di successo con i giallorossi di Spalletti, secondi in classifica. Sorride il tecnico del Crotone, consapevole delle differenze tra la sua squadra e la Roma. Tuttavia non si dà per vinto.

«Juve e Roma - dice - sono due grandi squadre, di elevatissime qualità. Spalletti fa giocare la sua squadra in modo completamente diverso dalla Juventus. Nel loro gioco la ricerca della profondità è la priorità ed adesso hanno trovato anche l'ampiezza. Noi come sempre vogliamo fare punti. Il nostro obiettivo è sempre quello, anche se cambiano le percentuali di riuscita». Nicola ribadisce che il suo Crotone penserà soprattutto a non prenderle da uno degli attacchi più in forma e prolifici.

«Il nostro gioco - afferma il tecnico rossoblu - sarà indubbiamente basato sulle ripartenze. Dobbiamo migliorare, però, rispetto a quanto abbiamo fatto con la Juve, con la quale non siamo riusciti a concludere. Rispetto alla gara con i bianconeri, dovremo fare degli adattamenti per non essere messi sotto scacco. Se immagino una prestazione di successo contro una grande? Certo, ma una prestazione di successo può essere anche non esporre la squadra a prendere 6-7 gol. Una prestazione di successo è giocare con dignità sportiva. Se serve, metterò il pullman davanti la porta».

Contro la Roma il Crotone dovrà ancora rinunciare al nazionale svedese Rodhen (infortunio al ginocchio). Un’assenza pesante nelle ultime gare per le quali Nicola ha utilizzato prima Nalini e poi Capezzi. Con la Roma rientrerà Crisetig in mezzo e potrebbe essere la prima volta da titolare per Acosty, utile anche per eventuali ripartenze con la sua velocità.

«Acosty - dice Nicola - sta prendendo il passo, vero. Ho già la mia idea, ma devo aspettare anche quest’ultimo giorno per capire quanto possiamo recuperare. Penso che ci saranno due o tre cambi rispetto alla gara con la Juventus». Infine un ringraziamento ai tifosi: «Contro la Juventus la curva sud è stata speciale. Grande. Abbiamo apprezzato. Abbiamo capito che loro come noi ci credono. Inseguono questo sogno. E noi vogliamo ringraziarli con prestazioni nelle quali ci impegniamo a dare sempre il massimo. Certo, se per tutte le altre gare la curva fosse sempre così piena...».

Il gesto di solidarietà

Domenica potrà andare a vedere il suo Crotone e la sua Roma sfidarsi allo stadio Ezio Scida grazie alla generosità di alcuni crotonesi che dopo aver sentito la sua intervista sul blog "Kroton Vlog" gli hanno regalato un biglietto. Lui si chiama Nilo Montefusco, ha 53 anni, vive a Crotone ed è anche tifosissimo della Roma. Negli anni '80 faceva parte anche dei gruppi organizzati giallorossi e va in giro per Crotone sempre con i colori della Roma.

Nel suo cuore di tifoso c'è, però, anche il Crotone, che ha seguito nelle trasferte sui campi caldi dei campionati di Interregionale e C2. Domani, per lui, quella tra Crotone e Roma rappresenta la partita della vita. Solo che Nilo - muratore disoccupato - non poteva permettersi di acquistare un biglietto per lo stadio. Il video blogger crotonese Danilo Ruberto lo ha intervistato proprio in quanto noto tifoso della Roma nella città calabrese.

Nilo ha raccontato dell’impossibilità di coronare il suo sogno. "Resterò a casa a soffrire e sentire la partita alla radio», ha detto Montefusco. Immediatamente è scattata una gara di solidarietà con tanti crotonesi che si sono offerti di acquistare il biglietto. Il gestore del blog ha optato per il primo che lo aveva offerto e questa mattina ha comprato un biglietto di Curva Sud alta per il signor Nilo, che così potrà godersi dalla curva della tifoserie della sua città la 'partita della vità. Unico rimpianto: non potrà vedere Totti, non convocato causa influenza, giocare allo Scida.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?