Salta al contenuto principale

Crotone, commovente lettera di Nicola al figlio

«Ogni mia vittoria è la tua». Vrenna in pellegrinaggio

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Davide Nicola, allenatore del Crotone
Tempo di lettura: 
1 minuto 41 secondi

COSENZA - Davide Nicola, tecnico del Crotone che si è salvato all'ultima giornata, ha scritto una commovente lettera su Facebook al figlio Alessandro, morto tre anni fa a 14 anni per un incidente.

Ecco il testo della lettera: "Ciao amore mio, Non so dove sei. Non so cosa starai facendo. Forse sei su quella nuvola che era su di me quella sera, quando correvo per far volare la tua lanterna. O forse sei qui accanto a me. Sì, sono sicuro che sei qui con me. Abbiamo lottato insieme in questo anno complicatissimo, ma… Oggi so che tu ci sei sempre stato lì con me. Sei riuscito con la tua energia a darmi la forza di lottare e di continuare a inseguire l’impossibile possibile, il possibile probabile, e il probabile certo. Ale, questa non è la mia vittoria, ma la nostra, proprio come quella della promozione in Serie A del Livorno. Avrei voluto gioire con te, guardare i tuoi occhi e il tuo sorriso, prenderti per mano e insieme correre e festeggiare. Tutto questo è solo per te e ogni mia conquista è la tua, ogni mia vittoria sarà la tua, ogni mio sogno sarà anche il tuo. Voglio che il mio cuore continui a battere per te e tu possa vivere ancora attraverso me… Le Sei Perfezioni: generosità, disciplina, pazienza, perseveranza, concentrazione e conoscenza trascendente (Dalai Lama)".

Dal commovente gesto di Nicola a quello "religioso" del presidente del Crotone calcio, Gianni Vrenna, accompagnato dal dirigente della società, Raffaele Marino. I due hanno concluso dopo due ore di cammino il pellegrinaggio al santuario della Madonna di Capo Colonna per onorare la promessa fatta in caso di conquista della salvezza in Serie A.

Vrenna e Marino erano partiti alle 7 di questa mattina percorrendo con buona andatura i 13 chilometri, gran parte in salita, che separano la città dal santuario.

«Questo pellegrinaggio al santuario di Capo Colonna - ha detto Vrenna - è emblematico anche del percorso che abbiamo fatto in campionato: c'è stata tanta salita, ma alla fine siamo riusciti a raggiungere la salvezza».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?