Salta al contenuto principale

Il caso: Lamezia Terme, città che nel 50esimo anniversario della sua nascita si scopre divisa dal calcio

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Gli imprenditori Marco e Alessandro Rettura fondatori dell' ASD Vigor Lamezia 1919
Tempo di lettura: 
3 minuti 35 secondi

LAMEZIA TERME – Sarà stato un caso, ma nello stesso giorno della presentazione del comitato d'onore per i festeggiamenti dei 50 anni della fondazione di Lamezia Terme (nata a gennaio del 1968 dalla fusione fra gli ex comuni di Nicastro, Sambiase e Sant'Eufemia) sotto il motto “Lamezia unita, città unica e sola", la città, invece, si divide ancora di più sul calcio.

Dopo la fusione ufficiale fra l'Usd Csi Stalettì e l'As Biancoverdi Lamezia per dare origine all'Asd Vigor Lamezia 1919 (anno di nascita della più antica squadra della città arrivata fino alla serie C unica) già inserita nel gruppo C della Prima categoria (che ieri ha disputato al “D'Ippolito” la prima amichevole), ieri infatti è stata ufficializzata la nascita (fondata da un gruppo di tifosi) dell'Asd (Associazione sportiva dilettantistica) Vigor 1919 di Lamezia Terme che ha ufficialmente presentato la richiesta di affiliazione alla Figc per poter partecipare al campionato di Terza categoria. Quindi oltre all'Asd Vigor Lamezia 1919, dovrebbe partecipare a un altro campionato anche l'Asd Vigor 1919 (in attesa del sì federale).

Un'altra squadra, insomma (oltre a quelle stabili e storiche come Vigor e Sambiase - e poteva già bastare così) di Lamezia Terme che vede già tre squadre in Promozione (Sambiase, Promosport e Scommettendo Fronti), una in Prima categoria (Vigor Lamezia 1919) e altre nelle categorie inferiori (seconda e terza categoria). Addirittura una frazione di Lamezia (Fronti) dovrebbe avere ai nastri di partenza dei rispettivi campionati tre squadre diverse (Scommettendo Fronti, Excalibur e Real Fronti). Una città, insomma, che non cresce anche sotto l'aspetto dell'unione sportiva (pure nella pallavolo dove ci sono due squadre in B e altrettante in C) e la Vigor probabilmente anche in Terza categoria la dice lunga. L'Asd Vigor Lamezia 1919 attende ora il sì federale definitivo prima di presentare ufficialmente programmi, obiettivi e cariche sociali (Alessandro e Marco Rettura saranno rispettivamente presidente e vice) del neo sodalizio che indosserà le maglie biancoverdi e che giocherà le sue gare interne allo stadio “D'Ippolito” storico tempio della Vigor, mentre l'altra Vigor dovrebbe giocare le gare interne al “Provenzano”.

“Tutti insieme possiamo far rinascere un amore e riportare i nostri colori in alto, con dignità ed anche con ambizioni future, ma sempre lontano da strumentalizzazioni, arrivismi e avventurieri. La Vigor non dovrà mai più essere una proprietà privata, ma deve essere e rimanere sempre e solo “Nostra”, scrivono i soci fondatori dell'Asd Vigor 1919, mentre fin da ora il duo Rettura dell'Asd Vigor Lamezia 1919 (che ha tentato di rilevare la Vigor Lamezia srl e il titolo dello Scommettendo Fronti fresco ripescato in Promozione) ribadisce che “nessuna figura della vecchia gestione è presente nell'Asd Vigor Lamezia 1919” e che finora non è stato ufficializzato nulla perchè si attende l'ultimo passaggio federale per il cambio di denominazione in Vigor Lamezia 1919.

Condizione imprescindibile per ripartire sempre sotto il vessillo biancoverde che più volte nei suoi quasi 100 anni di storia ha “cambiato pelle”. Nel 1919 si partì con la fondazione dell'Unione Sportiva Vigor Nicastro che nel 1967 cambia denominazione in Associazione Sportiva Nicastro. E ancora: nel 1973 altro cambio di denominazione in Associazione Sportiva Vigor Nicastro Calcio. Poi nel 1977 la fondazione dell'Associazione Sportiva Vigor Lamezia Calcio. Nel 1994 dopo la retrocessione dalla C2 arriva il fallimento e l'iscrizione in Promozione con la nuova denominazione Vigor 1919. Nel 1995 avviene la fondazione del Comprensorio Vigor Lamezia (con sede legale a Marcellinara) dal titolo ceduto dal Real Catanzaro, già Adelaide Nicastro sciolta nel 1992 (dopo che si era trasferita a Chiaravalle nel 1989) e il titolo sportivo viene ceduto al Real Catanzaro, che a sua volta lo cede nel 1995, appunto, al Comprensorio Vigor Lamezia che nella stagione 1995/1996 partecipa al campionato Interregionale e nella stessa stagione la Vigor Lamezia calcio srl partecipa al campionato di Promozione. Nel 1996 l'ennesimo cambio di denominazione in Vigor Lamezia.

Il resto è storia recente già più volte scritta e riscritta. A luglio scorso la Vigor Lamezia srl non si iscrive in Eccellenza (per le note vicende) ma nasce l'Asd Vigor Lamezia 1919 acquistando il titolo di Prima categoria (dal momento che non c’erano in vendita altri titoli di categorie superiori nella stessa Provincia, come prevedono i regolamenti) dall'Usd Csi Stalettì (stessa operazione del 1995 con la fondazione del Comprensorio Vigor Lamezia). Ora una parte di tifosi creano un'altra Vigor con la richiesta di partecipare alla Terza categoria. Il tutto a due anni dal centenario dalla nascita della Vigor ed a cinque mesi dai 50 anni della città di Lamezia Terme.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?