Salta al contenuto principale

Il Punto sulla Serie D. Castrovillari: un derby per una conferma

Palmese: un match per continuare a stupire il campionato

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
I giocatori del Castrovillari durante una sessione di allenamento
Tempo di lettura: 
1 minuto 31 secondi

ROBERTO SAVERINO

Giornalista pubblicista, scrive per il Quotidiano dal luglio del 1998, occupandosi prettamente di calcio dilettantistico.

Non può essere certo il pareggio contro la pur forte Turris a cambiare le carte in tavola di un campionato che ha una squadra predestinata alla vittoria.

Il Bari resta leader e adesso sarà il Marsala, fra le mura amiche, a saggiarne la consistenza. Assorbito il primo ko, il Locri ha la possibilità di ritrovare subito il cammino della vittoria contro un Rotonda che non va sicuramente sottovalutato, ma che resta pur sempre alla portata degli uomini di Scorrano. Proprio contro il Rotonda, domenica scorsa, ecco la prima vittoria del Castrovillari.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DELLA RUBRICA 
CHE FA IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI SERIE D

Il debutto di Marra coincide con i tre punti, ma adesso non ci si può fermare e stavolta nel derby contro il Roccella non ci dovranno essere errori. Resta da capire se la svolta, in casa rossonera, è finalmente arrivata, anche perché le ambizioni della società, adesso è chiaro, sono parecchie. Allo stesso tempo la squadra jonica di Giampà, fermata domenica scorsa dal maltempo, deve scalare posizione in classifica, lasciando la zona play out.

Il punto non serve ad alcuno, per cui è lecito prevedere un match aperto. E la Cittanovese? Due pari di fila in casa sono un magro bottino. L’Igea Virtus non è la squadra dello scorso anno, per cui si può andare a Barcellona Pozzo di Gotto per fare il colpaccio: ma bisogna crederci. Resta la Palmese dei “miracoli”.

Nessuno alla vigilia avrebbe mai immaginato che dopo cinque giornate la squadra neroverde si sarebbe ritrovata imbattuta, a metà classifica e con una delle migliori difese d’Italia della Serie D (un solo gol al passivo). Allo stesso tempo si segna poco (appena due reti). Ma conservando questa compattezza e, allo stesso tempo, provando a gonfiare la rete del Portici, allora si può continuare a sognare ed a stupire.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?