Salta al contenuto principale

Il Punto sulla Serie D. Incroci pericolosi, ma sfide di grande fascino

Locri e Castrovillari di scena a Bari e Messina

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Il saluto ai tifosi dei giocatori del Locri
Tempo di lettura: 
1 minuto 44 secondi

ROBERTO SAVERINO

Giornalista pubblicista, scrive per il Quotidiano dal luglio del 1998, occupandosi prettamente di calcio dilettantistico.

Prima contro seconda. Chi l’avrebbe mai detto? Bari contro Locri è così il big match della settima giornata di campionato. Un punto separa le due squadre. Probabilmente alla fine sarà ben diverso il distacco in classifica, ma intanto in casa locrese è lecito sognare. Si va in uno degli stadi di Italia 90 con lo spirito libero di chi nulla ha da perdere. Saranno in 500, i tifosi amaranto, contro i 10milla pugliesi.

Ma faranno sentire la propria voce, questo è sicuro, mentre la squadra dovrà giocare senza tremare. Nulla ha da perdere la formazione di Umberto Scorrano, personaggio che ha scritto pagine di storia del club amaranto. Adesso ne aggiunge un’altra di pagina. E sarà bella, comunque andrà a finire. La Serie A si è giocata a Bari, ma si è anche giocata a Messina, dove adesso c’è una squadra in difficoltà, l’Acr, che ha cambiato tecnico, proprio come il Castrovillari, che stenta ad ingranare. Sasà Marra, che del Messina del passato ne ha fatto parte, si aspetta delle risposte da parte dei rossoneri, chiamati ad uscire dalla zona bassa della classifica.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DELLA RUBRICA 
CHE FA IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI SERIE D

Per adesso c’è grande equilibrio e c’è un bel gruppone di otto squadre a quota 8 punti. Qui troviamo le altre tre calabresi. Iniziamo dalla Cittanovese: il colpo di Barcellona Pozzo di Gotto è stato casuale, oppure per davvero i giallorossi potranno ottenere qualcosa in più di una semplice salvezza? Lo vedremo domenica in occasione del match interno contro l’Acireale. Quindi eccoci al derby. C’è Roccella – Palmese. Servono punti per la salvezza su entrambi i fronti. La Palmese è la squadra con la migliore difesa d’Italia (appena 1 gol subito), ma è anche la formazione che ha il secondo peggior attacco nazionale (2 reti all’attivo). Va a caccia di punti per stupire ancora, sperando che il futuro possa sorridere soprattutto in tema di gestione del club. Il Roccella, dopo aver piegato il Città di Messina nel match di recupero, ha intenzione di sfruttare il fattore campo e ritrova l’attaccante Kargbo. Il match è aperto ad ogni risultato.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?