Salta al contenuto principale

Il punto sulla Serie D. Il Bari e poi tutti quanti

Sembra tutto già deciso

Cittanovese-Castrovillari è il Varrà day

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Natino Varrà in azione con la maglia della Cittanovese
Tempo di lettura: 
1 minuto 35 secondi

ROBERTO SAVERINO

Giornalista pubblicista, scrive per il Quotidiano dal luglio del 1998, occupandosi prettamente di calcio dilettantistico.

Lo abbiamo già scritto, ci ripetiamo. Questo è un torneo fatto a misura per il Bari, nel senso che non vi è nessuno capace di insidiare la leadership dei galletti. Troppo forte la squadra di Cornacchini, che può permettersi una panchina da far invidia a squadre di Lega Pro e che proprio dalla panchina trova anche i gol per vincere le partite. Ma non è solo forte il Bari.

Il fatto è che non c’è una squadra che possa insidiarlo. Si gioca per il secondo posto, dove al momento c’è la Nocerina, altra sorpresa del torneo assieme al Locri, scalato di una posizione ma sempre nelle zone nobili della classifica. Quei 14 punti sono davvero tanta roba per la band di Scorrano. Ma domenica a Marsala servono altre risposte. E di risposte dovrà darne anche il Roccella.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DELLA RUBRICA 
CHE FA IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI SERIE D

La panchina di Giampà è in bilico? Allora contro la Nocerina si vedrà da che parte sta la squadra. Si è già esaurita la spinta di Kargbo? E gli altri compagni di squadra cosa hanno intenzione di fare? Ha mille problemi, quasi tutti di natura economica, eppure la Palmese sta stupendo tutti. E chi se lo aspettava? Non ha mai perso. Segna poco, ma subisce pochissimo. Ha mille risorse. Merita solo tanti complimenti la squadra di Franceschini, alla quale il preparatore atletico Salvatore Gangemi ha saputo dare la giusta benzina.

Domenica a San Cataldo altro match arduo. La generosità, a Gambi e compagni, non manca. Chiudiamo con i fatti di casa nostra: Cittanovese contro Castrovillari. Sfida aperta, apertissima.

Sfida da amarcord per Natino Varrà, tre stagioni in giallorosso, 75 presenze e una carriera da direttore sportivo iniziata praticamente a Cittanova, mentre chiudeva quella da calciatore. Torna da avversario per la prima volta. Si aspetta un altro successo dai suoi, mentre la Cittanovese deve solo reagire dopo il ko esterno con la Turris. Come finirà?

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?