Salta al contenuto principale

Il punto sulla Serie D. Verso il rush finale con la zona play out sempre calda e intanto continuano a saltare le panchine del girone I

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Piero Martelli
Tempo di lettura: 
1 minuto 35 secondi

ROBERTO SAVERINO

Giornalista pubblicista, scrive per il Quotidiano dal luglio del 1998, occupandosi prettamente di calcio dilettantistico.

Ci avviamo verso la parte conclusiva del torneo. Otto giornate tutte da seguire, con i giochi ovviamente chiusi per la vetta (sono 11 i punti di vantaggio sulla seconda da gestire per il Bari). L’interesse è adesso per i play off (anche se è da capire che valore avranno) e, soprattutto, per i play out.

In alto sono tre i punti che separano Castrovillari e Cittanovese dalla quinta posizione. C’è un buon margine di vantaggio (10 punti) sulla zona play out, per cui si potrebbe anche tentare di agganciare il quinto posto e di regalare una bella soddisfazione a tifosi e dirigenti.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DELLA RUBRICA 
CHE FA IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI SERIE D

Per la Palmese l’obiettivo è ovviamente quello di stare lontano dai guai, mentre la situazione di Locri e Roccella è sempre più complicata: entrambe le squadre sono ancorate in terzultima posizione. Domenica, contro il Portici, il Roccella deve solo vincere e anche per il Locri, dopo l’esonero di Pellicori, c’è bisogno di cogliere i tre punti, a cominciare dal derby di Cittanova.

A proposito di esoneri: solo 5 squadre (su 18) hanno finora mantenuto lo stesso allenatore di inizio stagione: Bari, Cittanovese, Nocerina, Portici e Troina. Volendo si potrebbe aggiungere la Palmese (Franceschini dirige dalla prima giornata), ma inizialmente la squadra era stata affidata a Dal Torrione. Per il resto non c’è stata pace in panchina, con situazione limite quella dell’Igea Virtus, dove vi sono stati ben 5 avvicendamenti: l’ultimo la scorsa settimana, con l’ingaggio di Carruezzo al posto di Arcidiaco.

A Locri via Scorrano con una media comunque in quota salvezza: 1,20 punti a partita. Poi con Pellicori la media è scesa a 0,72. Adesso tocca a Quattrone e Martelli, con Cecco Curtale come ds. Tre gli allenatori anche a San Cataldo. Il totale è di 21 avvicendamenti, fra soluzioni temporanee, ribaltoni, ritorni e volti nuovi. Un numero abbastanza elevato, ma tutto fa parte del gioco.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?