X
<
>

Una recente formazione del Cittanova

Tempo di lettura 2 Minuti

La salvezza deve essere ancora raggiunta, ma la stagione è sicuramente fallimentare. A 180 minuti dalla fine il Cittanova, costruito per stare nelle parti medio-alte della classifica, annaspa invece nelle posizioni di retrovia del girone I di Serie D.

Il recente stop per motivi legati al covid ha impedito alla squadra di affrontare la trasferta in casa del Troina, ma la situazione in graduatoria rimane delicata, con il Marina di Ragusa che si è fatto sotto, per cui l’obiettivo dei giallorossi è quello di fare punti per evitare quella scomoda penultima posizione che porta dritti in Eccellenza.

Dovendo giocare in trasferta contro il Troina, appunto, e poi con il Santa Maria Cilento in casa, vale a dire con avversari che nulla hanno da chiedere al campionato, l’obiettivo salvezza rimane alla portata, ma al di là di come andrà a finire, questo è un torneo deludente e fallimentare dal punto di vista tecnico e dei risultati.

Nonostante le buone intenzioni della società, il rendimento della squadra è stato pessimo. Eppure dopo cinque giornate Il Cittanova era in vetta alla classifica con 13 punti conquistati sui quindici disponibili. Poi la crisi che ha portato, dopo 5 ko di fila, all’esonero del tecnico Infantino.

Non appena è arrivato il nuovo trainer Graziano Nocera, ecco subito una vittoria, ma pochi giorni dopo l’exploit di Roccella, numerosi casi di positività al covid all’interno del gruppo squadra hanno comportato il rinvio di ben cinque partite. Recuperarle in poco tempo, con tanti assenti, non ha giovato alla squadra e allora si è deciso di cambiare ancora, con Nocera esonerato dopo aver fatto 8 punti nelle 8 gare della sua gestione, affrontate, come si diceva, in condizioni proibitive.

Il ritorno di Infantino sembrava aver regalato nuovo slancio alla squadra con 8 punti in 4 gare. Quindi ecco una nuova crisi, ancora più acuta della precedente: per il Cittanova nelle ultime 10 partite una sola vittoria, con 4 punti all’attivo e 8 ko, con 4 gol segnati. Un rendimento da retrocessione.

Numeri fallimentari per tutti: 5 sconfitte di fila e anche cinque trasferte consecutive senza fare punti e segnando solo una volta. Nelle ultime 27 partite, la squadra ha vinto 4 volte. Dal ritorno di Infantino 12 punti in 14 incontri. Un cammino pessimo, non confacente alle attese e alle aspettative della società, che una volta centrata la permanenza dovrà fare le sue attente valutazioni.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA