X
<
>

Felice Saladini

Tempo di lettura 2 Minuti

Una lunga estate calda a Lamezia Terme, con un continuo susseguirsi di colpi di scena. A distanza di pochi giorni dall’annuncio di dimettersi dall’incarico, il patron della Vigor, Felice Saladini, ha rilanciato le proprie ambizioni, accettando di valorizzare le storie dei club più importanti del territorio per restituire alla città una nuova squadra che nel prossimo campionato di Serie D rappresenterà l’intera comunità lametina.

Utilizzando il titolo del Sambiase, neo promosso nella quarta serie nazionale, si è così formata una nuova società, con la denominazione di Fc Lamezia Terme. Questo sodalizio parteciperà quindi alla Serie D, mentre in seguito verrà spiegato cosa ne sarà delle altre realtà cittadine, perché la Vigor Lamezia risulta iscritta al campionato di Eccellenza e la Promosport a quello di Promozione.

«Lo sport è importante per la vita sociale – così Felice Saladini – e per la storia di una città. Mi sono quindi reso disponibile a creare un’unica grande squadra unendo le competenze professionali e agonistiche di tutti. Per la città questo passaggio è una vittoria e una grande opportunità. Sono orgoglioso che i colleghi e amici che come me hanno scelto in questo anno difficile di investire nella città attraverso il calcio mi abbiano chiesto di assumere questa nuova entusiasmante sfida».

La notizia non è stata presa bene dalle tifoserie dal Sambiase e della Vigor, ma il progetto va avanti. «Il calcio consegna alla città e alla sua società civile una lezione che è al tempo stesso una straordinaria opportunità. Unendo le forze ho scelto di fare squadra per far vincere Lamezia Terme. In un momento difficile come quello che stiamo attraversando dobbiamo essere capaci di abbattere gli steccati, mescolare i colori e le passioni per far sorgere un arcobaleno che sia un messaggio di speranza per tutta la città».

Ed infine: «Lo sport è apertura, inclusione e voglia di accettare nuove sfide per dimostrare che con l’impegno si possono superare tutti gli ostacoli».

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA