X
<
>

La pistola sequestrata

Tempo di lettura < 1 minuto

VIBO VALENTIA – I Carabinieri della Stazione di Filandari con il supporto della Compagnia di Vibo, dello Squadrone Eliportato “Cacciatori Calabria” e delle unità cinofile, hanno effettuato una serie di controlli e perquisizioni sul territorio.

Nel corso dell’attività, coordinata dal Sostituto Procuratore Concettina Iannazzo, in un capannone adibito a pagliaio a Filandari è stata scoperta una pistola semiautomatica calibro 7,65 con matricola punzonata e corredata da 18 munizioni. L’arma e le munizioni erano nascoste tra le balle di fieno, conservate in una busta bianca.

Al termine della perquisizione sono stati dichiarati in arresto Antonio Nazzareno Fuduli, 51 anni, e il figlio Marco Fuduli, di 30 anni, entrambi residenti a Filandari. A scopo cautelativo sono state ritirate anche le armi legalmente detenute dal 51enne: due fucili calibro 12, un fucile calibro 16, una carabina ad aria compressa cal. 4,5 e nr. 85 cartucce cal. 12.

L’ennesimo sequestro rientra nella più ampia strategia dei Carabinieri del Comando Provinciale di Vibo per disarmare un territorio dove proliferano le armi clandestine e tenere sotto controllo chi invece le detiene legalmente.

Un’attività sviluppata su impulso di una strategia ad ampio raggio voluta dal Procuratore di Vibo Camillo Falvo e che prevede l’impegno congiunto di magistratura e Forze di Polizia per porre un serio argine ai fatti di sangue consumati con la disponibilità di armi clandestine.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares