X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

VIBO VALENTIA – Tre anni e otto mesi di reclusione a fronte dei 9 invocati dal pubblico ministero: è la condanna inflitta dal Gup del Tribunale di Vibo Valentia, al termine del processo con rito abbreviato, a Pasquale Massaria, di 42 anni, di Ionadi, accusato del tentato omicidio del cognato Alessandro Musumeci, di 33 anni, avvenuto, a colpi di pistola, il 2 luglio del 2019 lungo la statale 18, nei pressi di un centro commerciale di Vibo Valentia.

Alla base della vicenda ci sarebbero dissidi dei dissidi familiari. La differenza tra la richiesta dell’accusa e la condanna inflitta dovuta alla derubricazione del reato per come chiesto dal difensore dell’imputato, l’avvocato Letterio Rositano.

Il magistrato ha infatti riconosciuto la contestazione di lesioni aggravate dall’uso della arma ed in continuazione con la detenzione della pistola mentre quella originaria era di tentato omicidio.

Dopo il ferimento di Musumeci, assistito dall’avvocato Gaetano Pacienza), Massaria si era reso irreperibile per poi essere individuato, poco dopo dalla polizia in una mansarda di proprietà di uno zio.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA