X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

VIBO VALENTIA – Il gip di Catanzaro accogliendo, l’istanza degli avvocati Francesco Sabatino e Walter Franzè ha disposto la scarcerazione di Domenico Camillò, 79 anni, di Vibo, detenuto a Caltanissetta, applicando gli arresti domiciliari.

L’uomo era stato tratto in arresto all’alba del 19 dicembre nell’operazione “Rinascita-Scott” in quanto ritenuto il reggente della ‘ndrina dei Pardea-Camillò operante nella città di Vibo Valentia.

Secondo le dichiarazioni del collaboratore Bartolomeo Arena, Camillò è il massimo esponente della ‘ndrangheta a Vibo Valentia vantando rapporti con i Bellocco e con il capo-crimine Mico Oppedisano di Rosarno, essendo tra i promotori della nuova Locale costituita a Vibo Valentia nel 2012.

Gli avvocati Sabatino e Franzè hanno rappresentato al magistrato che le attuali condizioni di salute del Camillò fossero idonee a superare l’originaria valutazione del gip che, nell’applicare la misura, aveva ravvisato eccezionali esigenze cautelari rimaste in atto fino ad oggi.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares