X

Tempo di lettura 2 Minuti

VIBO VALENTIA – Avevano espresso il desiderio di volare in elicottero. E oggi il loro sogno è stato esaudito grazie ai carabinieri del Comando provinciale di Catanzaro e dell’ottavo Nucleo elicotteri carabinieri di Vibo Valentia. Diversi mesi fa, grazie all’interessamento del direttore del reparto di Pediatria dell’Ospedale Pugliese-Ciaccio di Catanzaro Giuseppe Raiola, i carabinieri del Comando provinciale di Catanzaro avevano ricevuto il desiderio di due bambini catanzaresi, Antonio ed Alessandro, rispettivamente di 5 e 9 anni che, affetti da importanti patologie e curati in ospedale, avevano chiesto la possibilità di volare con un elicottero. La sosta obbligata dovuta al periodo Covid 19 ha solo rinviato il momento dell’evento.

Grazie all’organizzazione di alcune associazioni del catanzarese, il personale del Nucleo elicotteri di Vibo Valentia, stamani, ha permesso ai due giovanissimi, accompagnati dal dott. Raiola e dai genitori, di provare l’ebbrezza del volo.

Grande è stata l’emozione nei due piccoli sia nel salire a bordo dei mezzi che nel vero e proprio volo. Circa trenta minuti in cui i piloti dell’elicottero AB412 gli hanno fatto sorvolare il litorale vibonese, mostrando loro le spiagge e le coste da Pizzo a Tropea e riuscendo anche, per usare le parole di uno dei due , «a volare sopra le nuvole». Al volo è seguito un piccolo rinfresco durante il quale vi è stato un ampio scambio di doni tra il personale dell’Arma e gli organizzatori.

In particolare i bambini hanno particolarmente gradito i gadget che l’Arma ha donato loro (cappellini, zainetti e materiale per la scuola) ma più di tutti hanno mostrato la loro gioia per il ricevimento del meritato diploma per il “battesimo dell’aria”.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares