X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

PIZZO (VIBO VALENTIA) – Una rapina a mano armata è stata perpetrata stamattina ai danni di un lavoratore delle Poste che aveva con sé i contanti delle pensioni da consegnare alla filiale della città.

Il fatto si è verificato stamattina presto in pieno centro cittadino. Il furgone portavalori si è fermato in piazza della Repubblica; dal mezzo, impossibilitato a raggiungere la struttura per via dei vicoletti che non ne consentono l’accesso, è sceso un dipendente che ha iniziato a dirigersi verso il locale ma una volta imboccato la stradina interna è stato avvicinato da un malvivente col volto coperto e con in pugno una pistola (non si esclude possa essere un’arma giocattolo) che ha puntato all’indirizzo della vittima, facendosi consegnare il denaro.

Tutta l’azione è durata pochissimi secondi. Il rapinatore si è dileguato tra le viuzze circostanti. È stato lo stesso dipendente delle poste a lanciare l’allarme.

È subito scattato il piano antirapina disposto dall’Arma dei carabinieri. In azione gli uomini del Norm, della Stazione di Pizzo sotto il coordinamento della Compagnia di Vibo, guidata dal comandante Gianfranco Pino, che hanno cinturato il centro storico alla ricerca del malvivente sul quale ha sorvolato anche un elicottero.

Secondo una prima quantificazione la somma trafugata, ingente per via della presenza delle pensioni e delle tredicesime, ammonterebbe a circa 60mila euro.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA