X
<
>

I carabinieri di Vibo Valentia

Tempo di lettura 2 Minuti

VIBO VALENTIA – Nella notte a Vibo Valentia e Monza Brianza, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Vibo Valentia, coadiuvati da quelli della Compagnia di Seregno (MB), della Stazione di Filandari (VV) e dallo Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria, hanno eseguito cinque ordinanze di custodia cautelare emesse dalla Corte di Appello di Catanzaro, nei confronti di altrettanti esponenti della “Locale di Filandari”.

I cinque esponenti della famiglia Soriano, le cui recenti scarcerazioni avevano destato particolare clamore mediatico e preoccupazione nella popolazione di Ionadi e Filandari, in passato esposta a richieste estorsive, atti intimidatori e finanche ritorsivi, sono stati assicurati nuovamente alla giustizia, grazie al tempestivo intervento della Procura Generale presso la Corte d’Appello di Catanzaro, che, sulla scorta delle risultanze info-investigative dei carabinieri, ha saputo circostanziare un grave quadro indiziario e un concreto pericolo di reiterazione dei reati in capo agli stessi.

Soriano Giuseppe, Silipigni Graziella, Ciconte Luca, Soriano Caterina e Parrotta Francesco sono stati riconosciuti responsabili a vario titolo, con sentenza della Corte d’Appello di Catanzaro, con pene che vanno dai 10 anni e 4 mesi ai 13 anni e 4 mesi di reclusione.

Di rilievo il diretto coinvolgimento delle donne della famiglia Soriano nell’organizzazione delle attività illecite, protagoniste anche nella tenuta dei rapporti coi i singoli pusher e nell’amministrazione dei proventi illeciti.

“Si tratta di un provvedimento importante – si legge in un comunicato delle forze dell’ordine – la cui esecuzione contribuirà certamente a garantire un adeguato livello di sicurezza sul territorio e a rispondere alle forti aspettative di legalità della popolazione, da tempo schierata a sostegno di Magistratura e Forze di Polizia”.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA