X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

ROMBIOLO (VIBO VALENTIA) – È di Rombiolo il caso positivo di Coronavirus segnalato negli scorsi giorni dall’Asp di Vibo Valentia. Si tratta di un ragazzo domiciliato nella frazione Pernocari che tornava a casa dopo una breve vacanza in Spagna.

Responsabilmente e ottemperando alle disposizioni di legge, appena rientrato in Italia si è registrato al sito della Regione Calabria.

A prenderlo alla stazione la sorella, munita di mascherina. Sottoposto a tampone, malgrado non avesse (e non ha sintomi), è risultato positivo. Immediatamente sono scattati i protocolli di sicurezza.

Con propria ordinanza l’Azienda sanitaria vibonese ha ordinato la quarantena che il diretto interessato ha scelto di trascorre nemmeno in paese, ma in una casa di campagna.

L’unico vero contatto, come detto, l’ha avuto con la sorella che, comunque, al primo tampone è risultata negativa, così come tutti i componenti della famiglia, a cui, in via precauzionale, è stato fatto il test. Quindi, per come affermato dal sindaco Domenico Petrolo, “non c’è da fare alcun allarmismo. La situazione è sotto controllo”.

Nell’edizione cartacea di domani, 11 agosto, tutti i particolari della vicenda e i commenti di medici e amministratori.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares