X
<
>

La sede Asp di Vibo Valentia

Tempo di lettura 2 Minuti

VIBO VALENTIA – Capistrano potrebbe non essere più un paese “Covid Free”. Due persone sono infatti risultate positive al test rapido e adesso sono in attesa di quello molecolare da parte dell’Asp il cui esito dovrebbe pervenire a stretto giro di posta. Se il dato venisse confermato resterebbero due i centri della provincia rimasti esclusi dal contagio: Brognaturo e Spilinga. 

In ambito generale, resta ancora alto il numero dei positivi nella provincia vibonese: nelle ultime ore quattro positivi al molecolare sono stati comunicati a Nicotera dal sindaco Giuseppe Marasco ed altrettanti se ne sono registrati a San Gregorio d’Ippona, e adesso sono in totale 31. In aumento anche quelli a Fabrizia che ora toccano quota 59. 

Una dozzina, invece, sono i casi attualmente attivi a Limbadi a seguito dell’aggiunta di altri cinque. E lo stesso numero è stato comunicato dal sindaco di Serra, Alfredo Barillari: «Registriamo cinque nuovi casi di positività al Covid. Tutte le persone sono in isolamento da diversi giorni e sotto controllo medico. Le persone attualmente positive, quindi, sono dodici, tutte in buone condizioni».

Nel frattempo, ieri, si è svolta la prima giornata di test molecolari per i  cittadini di Monterosso in cui è presente un focolaio che ha colpito principalmente la Rsa Villa delle Rose. Il drive-in allestito dall’amministrazione comunale nel piazzale Roma ha permesso a 196 cittadini di capire se sono entrati in contatto con soggetti positivi.

Ai 46 registrati nei giorni scorsi, se ne sono aggiunti altri 3 oggi comunicati dal Antonio Talesa, responsabile Usca Vibo Valentia, evidenziando che nel computo delle persone sottoposte oggi a tampone c’erano anche 7 cittadini di Capistrano (uno è quello risultato positivo al test rapido) e 8 di Polia riconducibili sempre alla Rsa. Gli esiti saranno resi noti nelle prossime ore.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA