X
<
>

L'eruzione dello Stromboli

Tempo di lettura < 1 minuto

VIBO VALENTIA – Nuova forte eruzione a Stromboli, con un’alta colonna di fumo, lancio di di lapilli incandescenti e fuoriuscita di lava. La colata, che sta scendendo a mare, lungo la sciara del fuoco, una zona desertica dell’isola, ha provocato anche una frana.

L’attività dello Stromboli, già intensa da alcuni giorni, è seguita dai vulcanologi dell’Ingv e della protezione civile, ma al momento sembra essere sotto controllo.

Il boato è stato avvertito distintamente dagli abitanti e dai turisti che hanno cominciato in questi giorni ad affollare l’isola. 

L’evoluzione è seguita con attenzione lungo le coste del Vibonese, oltre a parte del Reggino e del Cosentino, per le quali si monitora l’eventuale peggioramento dell’eruzione.

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo ha reso noto che la nube di cenere ha raggiunto un’altezza stimata di circa 1.5-2 km sul livello del mare, con la stessa cenere che ha raggiunto le coste calabresi di Capo Vaticano e Coccorino, nel Vibonese.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA