X
<
>

Il Trenino del Capo

Tempo di lettura < 1 minuto

RICADI – Una decisione importante, quella presa dagli albergatori di Grotticelle: niente più pulmini, sarà il celebre Trenino del Capo a farsi carico dei turisti su e giù dalla spiaggia. Una scelta di buon senso e di notevole maturità civile.

Il traffico al mare è da sempre un fenomeno increscioso: impervie salite intasate di bus e minibus, che oltre a deturpare il territorio, acuiscono l’inquinamento acustico e atmosferico. L’obiettivo del Consorzio Turistico Grotticelle è quello di «decongestionare il traffico, eliminando circa dieci bus, e rispettare le disposizioni Covid19».

Certamente, in un trenino aperto e di dimensioni spaziose, il contatto fisico si riduce molto e la distanza di sicurezza si rispetta con più facilità e comodità. Iniziativa che riscuote l’entusiasmo dei turisti.

D’altronde, è molto più suggestivo viaggiare su un trenino dalle tinte tipicamente marinare, accarezzati dalla brezza del mare. Il Consorzio Turistico punta, in tal modo, sulla salubrità dell’aria, in una stagione complessa e inusuale, ma soprattutto delicata e a rischio focolai. Sono le piccole scelte e i comportamenti di routine a scongiurare il maggior numero di rischi.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA