X
<
>

I fratelli Antonio, Bonaventura e Bruno Pagano

Tempo di lettura 2 Minuti

SORIANO (VIBO VALENTIA) – Un’azienda è famiglia e la famiglia c’è sempre. Potrebbe sembrare il solito slogan o l’etichetta di un’identificazione valoriale, sentita e risentita, che alcuni imprenditori fanno risuonare per esaltare le proprie attività, potrebbe, ma non è il caso della Fpagano srl dei fratelli Pagano, che, della loro attività imprenditoriale hanno sempre fatto una realtà lavorativa solida, un punto di forza dove ogni collaboratore storico, o anche di “passaggio” si è sentito a casa.

In famiglia. E uno dei segni tangibili di questa filosofia che rimanda a quella dell’unità, non è tardato ad arrivare in questa contigenza, che, anche per l’azienda sorianese, ha determinato un fermo economico non indifferente. Cassa integrazione prontamente anticipata per tutti i collaboratori e, stipendio già garantito all’indomani del blocco dell’attività per il decreto ministeriale, nonostante siano stati appena 11 i giorni lavorativi dei dipendenti, prima del blocco dell’attività. 

A rendere nota la notizia, non sono stati i fratelli Bonaventura, Bruno e Antonio Pagano, soci e proprietari dell’azienda leader in Calabria da oltre 30 anni, nella distribuzione di materie prime, attrezzature, e semilavorati per le filiere della pasticceria, gelateria, ristorazione e panificazione, ma un loro collaboratore storico, il quale, facendosi portavoce di tutti i dipendenti (24 circa) attraverso una nota, ha voluto ringraziare pubblicamente gli imprenditori: «Sicuramente c’è chi lo ha già fatto, ma volevo renderlo ufficiale ed evidenziare la nostra riconoscenza e unione in questo momento così difficile, con un grande grazie ai soci Pagano, i quali, nonostante le incertezze economiche della nostra Nazione e nonostante nel mese di marzo l’azienda Fpagano non abbia marginalizzato nulla, hanno ugualmente deciso non solo di pagare lo stipendio dei primi 11 giorni lavorativi prima della chiusura aziendale, ma hanno anche anticipato la cassa integrazione, sapendo che lo Stato non l’avrebbe versata sui nostri conti prima di maggio/giugno. Dunque, onore a questi uomini che tra mille difficoltà e pensieri, il loro primo pensiero è stato rivolto a noi dipendenti. Il ritorno alla normalità sarà lontano e duro da raggiungere, ma il nostro augurio è quello di poter tornare più forti di prima .Il nostro senso di appartenenza all’azienda, trova nutrimento nei vostri valori».

Sentirsi parte di una grande famiglia, più che di un’azienda, è forse la base necessaria per i lavoratori, che, al benessere economico possono anteporre quello emotivo, condizioni essenziali che contribuiscono a determinare lo sviluppo e la crescita dell’ impresa, una mission che, aziende come la Fpagano srl di Soriano, attesta da tempo l’etica del lavoro di grandi imprenditori.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares