X
<
>

Occhiuto insieme al sindaco Maria Limardo e altri amministratori del centrodestra all'incontro a Vibo

Tempo di lettura 3 Minuti

VIBO VALENTIA – Roberto Occhiuto ha presentato la propria candidatura a presidente della Regione Calabria a Vibo Valentia.

“Parto da Vibo perchè col coordinatore Giuseppe Mangialavori abbiamo fatto un lavoro straordinario in questi mesi – ha detto Roberto Occhiuto – abbiamo lavorato a un progetto che in questi mesi realizzeremo in favore dei calabresi. Anche gli alleati saranno a disposizione. La campagna elettorale del centrodestra sarà avvincente. Utilizzeremo questi mesi per preparare il progetto di cambiamento per questa regione per dimostrare al Paese che ci può essere una bella Calabria. Una Calabria che ha tanti problemi, a cominciare dalla ‘ndrangheta che va estirpata con ogni sforzo, ma anche tante risorse che possono diventare strumenti di sviluppo”.

All’incontro, alla scalinata della Cerasarella, erano presenti tutti i consiglieri comunali della compagine azzurra ed i rappresentanti dell amministrazione comunale di Vibo, guidati dal primo cittadino Maria Limardo. Presenti anche diversi sindaci e assessori del Vibonese ma anche da ogni parte della regione.

Su che cosa punterà il centrodestra? “Sul recupero della reputazione della Calabria – afferma Occhiuto – dimostreremo al Paese una Calabria che non si aspetta. I mesi con Jole Santelli presidente sono stati straordinari, un’esperienza vista da fuori come grande riscatto territoriale. La nostra sarà un’esperienza di continuità. Ripartiremo dalla sanità: i calabresi devono avere gli stessi dirittti di quelli della altre regioni. Ci batteremo per la fine del commissariamento ma soprattutto perchè ai posti apicali ci siano persone con competenze in sanità. E va riorganizzata la medicina territoriale”.

Il Recovery e i livelli occupazionali? “Se dovessi essere eletto il mio govermo farà zero precari. Le istituzioni non posso dare posti di lavoro precari, un fardello sia sulle istituzioni che sulle persone. Ci impegneremo per ridurre il precariato con politiche il più incisive possibili, sia con i fondi del Pnrr che con quelli del fondo sociale europeo e dei programmi operativi che a volte in questa regione non sono stati spesi in maniera operativa”.

Nelle prime parole da candidato di Occhiuto anche un pensiero sull’unità del centrodestra (“la candidatura della presidenza della Regione è sempre stata di Forza Italia. Il centrodestra è unito dappertutto, in Calabria lo è stato prima del tempo”) e sui possibili avversari (“De Magistris e il Pd? Non lo so, gli avversari che bisogna combattere sono quelli che risiedono nel deficit di speranza dei calabresi”

C’è chi chiede del destino dell’ospedale di Vibo? “Mangialavori ha un rapporto privilegiato con me, quello – garantisce Occhiuto – è un presidio che merita di essere rilanciato in una zona dove andranno aumentati anche i flussi turistici. La qualità delle prestazioni sanitaria è una delle cose a cui guardano con maggiore interesse i turisti. Questa parte della regione sarà centrale, perchè ha grandi potenzialità di sviluppo. La Calabria riuscirà a ripartire se investirà su due o tre motori trainanti per il futuro di tutta la regione”.

MANGIALAVORI

“Una giornata importantissima per Vibo Valentia e per la Calabria – ha detto Giuseppe Mangialavori, coordinatore di Forza Italia in Calabria – per noi vibonesi deve essere un grande orgoglio il fatto che sia stata scelta proprio questa città per far partire la campagna elettorale. Il rapporto che c’è tra me e Occhiuto e di stima personale e di unità di intenti. Abbiamo voglia di far rinascere questa terra e vogliamo che la Calabria possa ottenere il massimo possibile e la sua svolta definitiva. Forza Italia in Calabria può essere il partito trainante della nostra coalizione. Faremo una lista competitiva e siamo anche al lavoro sulle liste satellite”.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA