X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

TROPEA – «È una giornata che sancisce che la nostra regione ha una mare estremamente praticabile, godibile, ed è anche la conferma che la politica che si sta facendo in Calabria, dal punto di vista ambientale, è quella giusta».

È quanto dichiarato a Tropea dal presidente della Regione Calabria, Nino Spirlì, durante la terza edizione di “Mare Pulito Bruno Giordano” 2021, in cui sono stati premiati i Comuni di Melissa e Roccella Jonica per essersi distinti nelle azioni a tutela del mare, per la gestione delle spiagge e per la qualità dell’acqua.

All’evento, che si è svolto nel porto di Tropea, erano presenti il comandante generale delle Capitanerie di porto e guardia costiera, ammiraglio ispettore capo Giovanni Pettorino, il sottosegretario per il Sud e la Coesione territoriale, Dalila Nesci, la presidente dell’associazione “Mare Pulito Bruno Giordano”, Francesca Mirabelli, il sindaco di Tropea, Giovanni Macrì, il prefetto di Vibo, Roberta Lulli, il direttore scientifico dell’Arpacal, Michelangelo Iannone, e il presidente Fee Italia, Claudio Mazza.

«La grande soddisfazione – ha aggiunto Spirlì – è di riuscire a raccogliere risultati frutto del lavoro degli amministratori locali e della Regione, per offrire a tutti un territorio non solo vivibile, ma di altissima qualità. Possedere 800 chilometri di costa significa che abbiamo più mare che terra. Per noi, la cosa più importante è rendere questo territorio il più vissuto possibile; poter raccontare di essere stati in Calabria e aver goduto, giorno dopo giorno, secondo dopo secondo, un mare meraviglioso e un’accoglienza altrettanto perfetta, da suggerire di ritornarci presto».


COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA