Il ministro Danilo Toninelli taglia il nastro alla Joppolo-Coccorino

Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 Minuti

JOPPOLO (VIBO VALENTIA) – Il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli assieme ad una folta rappresentanza politica, ha presenziato alla riapertura della strada provinciale 23 detta “Strada del mare” che collega Joppolo alla frazione Coccorino.

«Grazie al nostro risoluto intervento – ha dichiarato Toninelli – malgrado non toccasse a noi, e grazie all’impegno di Anas, oggi è stata riaperta la strada provinciale tra Joppolo e Coccorino, unico collegamento costiero fra la provincia di Vibo Valentia e quella di Reggio Calabria. Finalmente, dopo quasi due anni dalla chiusura dell’arteria per la caduta di un masso, potrà ripartire l’economia, soprattutto quella turistica, di questo bellissimo versante tirrenico».

Ala cerimonia era presente anche l’assessore ai Trasporti Roberto Musmanno e a varie altre autorità politiche regionali.

Quello tra Joppolo e Coccorino è «un collegamento di primaria importanza per turisti e residenti nei centri della zona meridionale della costa vibonese e per il turismo dell’intera regione. L’arteria – spiega la Regione in una nota stampa – era stata chiusa nel mese di novembre 2017 a causa della caduta di alcuni massi dal sovrastante costone (LEGGI LA NOTIZIA). Il costo dell’intervento ammonta a 4,9 milioni a totale carico della Regione».

La nuova arteria è stata benedetta da don Agostino Pugliese, parroco di Joppolo-Coccorino.

A dare il via alla manifestazione sono stati gli interventi del Presidente della Provincia di Vibo Valentia e del Sindaco di Joppolo che hanno sottolineato l’importanza delle sinergie istituzionali attraverso cui è stato concretamente dimostrato che «quando gli obiettivi sono condivisi si possono raggiungere traguardi impensabili».

Entrambi hanno poi rivolto un particolare ringraziamento all’assessore Musmanno «per il lavoro straordinario profuso e per la tenacia con cui è stata sbrogliata una situazione tecnico- amministrativa che sembrava senza vie d’uscita».

«Oggi – ha detto l’assessore Musmanno – grazie ad una forte collaborazione istituzionale consegniamo un opera di straordinaria importanza ai cittadini e a quanti trascorrono le vacanze in questo comprensorio che ringrazio per la pazienza avuta fino ad oggi. La Regione, nonostante non abbia alcuna competenza sulla rete stradale, ha accolto immediatamente e con entusiasmo la proposta del Ministro alle Infrastrutture per risolvere una vicenda che ormai si trascinava da troppo tempo. C’è qualcuno -ha aggiunto l’assessore Musmanno- che riteneva che la viabilità avrebbe potuto essere riattivata solo spostando il masso che era caduto. Non era così. I rocciatori hanno spostato pezzi di roccia che pesavano qualche quintale con una semplice leva. Ciò vuol dire che una minima scossa tellurica o qualsiasi evento naturale avrebbe potuto provocare danni notevoli. Oggi possiamo dire che questo tratto di strada è stato messo in sicurezza e altri interventi verranno effettuati da Anas nei prossimi giorni».

«Questa operazione – ha commentato l’Amministratore delegato Anas, Massimo Simonini – testimonia la grande attenzione di Anas nei confronti della Calabria che ci vede impegnati quotidianamente nel fornire un servizio di sempre maggior qualità intervenendo anche laddove non siamo i gestori diretti. Inoltre, nella rimodulazione del Contratto di Programma 2016- 2020, approvato pochi giorni fa dal Cipe, la Calabria è la regione a cui sono destinate più risorse per nuove opere e manutenzione programmata con circa 3,8 miliardi di euro. Nell’ambito del piano complessivo degli investimenti, pari a circa 30 miliardi, il 52% interessa le regioni del Sud Italia e le isole per un totale circa 15,7 miliardi».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •