X

La giovane coppia di Nicotera tiene in braccio il piccolo Francesco

Tempo di lettura 2 Minuti

NICOTERA (VIBO VALENTIA) – Per Flavia e Giuseppe, giovane coppia sposata da quasi due anni, la felicità ha il volto di Francesco, il loro figlio di tre mesi.

La loro storia non è per cuori deboli. Nel giro di pochi mesi questi genitori infatti hanno conosciuto contrapposte emozioni. Flavia si è sentita mamma “da quando il dottore mi ha mostrato un puntino piccolo” ha vissuto una gravidanza difficile che le ha fatto conoscere “una forza che non credevo di avere” e si è sentita rinata. Per papà Giuseppe invece “è stata una benedizione divina”. Per lui è stato come “percepire di aver fatto finalmente qualcosa di buono nonostante nella mia vita sia sempre stato fumantino”. Il matrimonio, la gravidanza, la loro sembrava “una storia da vissero felici e contenti”. Ma il finale thriller era dietro l’angolo.

La pandemia, il lockdown, il parto di Francesco in mezzo alla più grande crisi dal dopoguerra ad oggi. Flavia partorisce il 14 marzo da sola. Da nove mesi sognava e pensava a suo marito e sua mamma accanto nel momento più importante della sua vita. Il covid 19 ha disegnato per lei invece qualcosa che neanche la mente più fantasiosa poteva immaginare a inizio gestazione. Un pre e post parto da sola, l’opportunità di vedere sua mamma solo di sfuggita da un vetro e per Giuseppe un misero spazio di mezzora in cui poter conoscere e vedere “il più bel spettacolo della mia vita”.

Lui, che non vedeva l’ora di vederlo per abbracciarlo e coccolarlo a lungo. Un parto quantomeno strano, con Flavia rattristata per “non aver potuto condividere questa gioia con i miei, non poter aver ricevuto il loro calore, l’abbraccio di un’amica”. Il coronavirus ha spazzato via tutto. Ora Francesco ha quasi tre mesi. Il picco sembra finito. Pochi giorni fa ha conosciuto il mare, il soffio del vento sul suo innocente viso. Non conosce ancora tutto l’affetto dei suoi cari ma per quello c’è tempo. Flavia e Giuseppe sognano di crescere loro figlio qui. Insegnargli le tradizioni, i costumi, la storia dell’ amata Calabria. Raccontargli un giorno il periodo in cui è venuto al mondo.

Quel giorno probabilmente Francesco sarà talmente maturo, grande e bravo da aver trovato la sua felicità. Quella che oggi la giovane coppia vede in lui.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares